Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Oro a Zagabria per Asya Tavano, a Uster Di Federico è terzo, Akiyama primo a Genova

images/2019/large/20190310_podio_70.jpg

È l’Italia dei cadetti che merita il primo piano in questa domenica così densa di appuntamenti. A Zagabria infatti, nella seconda giornata dell’European Cadet Cup, sono arrivate altre medaglie con l’oro di Asya Tavano nei +70 kg, l’argento di Carolina Mengucci nei 70 kg ed il bronzo di Sara Lisciani nei 57 kg e l’Italia chiude seconda nel medagliere del torneo, 2 primi, 3 secondi, 4 terzi posti. “Ad una sola settimana di distanza dai Campionati Italiani i nostri Cadetti si sono fatti onore anche in Europa – ha detto Raffaele Toniolo - conquistando 9 medaglie a Zagabria, migliorando così in quantità e qualità il risultato 2018. Zagabria ha concluso il primo periodo delle tappe europee del World Tour Cadets e si può dire che anche per il 2019 i nostri Under 18 saranno in grado di regalarci soddisfazioni”. Soddisfazioni che, per le ragazze salite oggi sul podio, si sono tradotte con le parole. “Sto vivendo un momento magico – sono state quelle pronunciate da Asya Tavano - abbinare il titolo italiano Cadetti ed il 1° posto in una gara di European Cup di livello come questa di Zagabria, è stato un risultato fantastico che mi ripaga del duro lavoro che sto facendo in palestra. Soprattutto nella semifinale con la moldava ed in finale con la francese ho espresso il mio judo di attacco ed ora spero di conquistare un altro podio in Europa, ma vestendo la maglia della nazionale. Domani di nuovo al lavoro in palestra per continuare a crescere”. “È stata giornata molto difficile – ha detto invece Carolina Mengucci - sia dal punto di vista fisico che mentale. Arrivo da una settimana un po’ particolare, con il campionato italiano andato non molto bene cui sono seguite giornate di malattia, ma sono contenta per com’è andata. Ci ho creduto dall’inizio, volevo la medaglia e l’ho presa. Anche se si punta sempre a fare meglio. Ringrazio la mia famiglia e tutto il Banzai Cortina che non ha mai smesso di credere in me, anche dopo un periodo un po’ buio”. “Sono contenta di questa medaglia – è il commento di Sara Lisciani - non è stata una gara molto semplice. È un periodo che mi sento molto bene, ed ora mi preparo per altre gare. Ringrazio la mia palestra e la mia famiglia”. Da segnalare un episodio da bollino rosso nei recuperi dei 90 kg (Allakhverdiiev, Ukr vs Adam, Svk) che merita attenzione per gli effetti che possono generare le provocazioni.

USTER. Un’altra medaglia è arrivata anche da Uster, in Svizzera, ad aggiungersi al primo posto ottenuto ieri nei 66 kg da Mattia Miceli ed ai terzi posti di Alessandro Aramu nei 60 kg, Elisa Adrasti nei 48 kg e Chiara Palanca nei 52 kg, si è aggiunto oggi quello di Tiziano Di Federico nei +100 kg. “Sono contento di questa medaglia – ha detto oggi Mattia Miceli - non è stata una gara molto semplice. È un periodo molto positivo per me, in cui mi sento davvero bene. Riuscire poi a far suonare l'inno nazionale fa sentire sempre un’emozione particolare. Ringrazio il Banzai Cortina e tutta la mia famiglia per il supporto costante che riescono a darmi”.

MARRAKECH. A Marrakech invece, la terza giornata di gare è stata meno positiva delle precedenti nonostante l’impegno profuso dai nostri atleti. Domenico Di Guida nei 90 kg ha vinto con il canadese Krieber Gagnon e con lo sloveno Lackovic, ma è stato fermato prima dei quarti, così come Linda Politi nei 78 kg che ha superato Arziqi (Mar), mentre Melora Rosetta (78), Eleonora Geri ed Elisa Marchiò (+78) si sono fermate al primo turno. Classifiche 3^ giornata.

90: 1) Majdov (Srb), 2) Trippel (Ger), 3) Nhabali (Ukr) e Florentino (Dom)

100: 1) Fletcher (Gbr), 2) Nikiforov (Bel), 3) Khurramov (Uzb) e Ozcicek-Takagi (Aus)

+100: 1) Heinle (Ger), 2) Kazhybayev (Kaz), 3) Kolesnyk (Ukr) e Marinic (Slo)

78: 1) Wagner (Ger), 2) Kuka (Kos), 3) Sampaio (Por) e Malzahn (Ger)

+78: 1) Sayit (Tur), 2) Savelkouls (Ned), 3) Cheikh Rouhou (Tun) e Mballa Atangana (Cmr)

GENOVA. Con la gara riservata alla classe juniores si è concluso il 31° Trofeo Città di Colombo, Grand Prix U21 ed il medagliere ha premiato l’Akiyama Settimo, che ha preceduto Pro Recco Judo e Judo Carrara. Questi i risultati dell’Under 21.

44: 1) Liliana Martinelli (Judo Marassi)

48: 1) Martina Mariani (Samurai Lecco), 2) Miriam Leone (Judo Club Leone), 3) Alessia Alia (Judo Azzurro) e Flavia Fratti (Nippon Pomezia)

52: 1) Eleonora Crescini (Kyu Shin Do Kai Parma), 2) Amira Pegoretti (Judo Team Gardolo), 3) Beatrice Trivella (Judo Club Capelletti) e Carlotta Finotto (Dojo Udine)

57: 1) Valentina Tomellini (Judo Club Parabiago), 2) Giorgia Gualtieri (Isao Okano Club 97), 3) Rossella Boccola (Dojo Equipe Bologna) e Fabiana Bergamelli (Judo Bergamo)

63: 1) Elisa Toniolo (Ginnastica Triestina), 2) Michelle Kamano (Dlf Yama Arashi Udine), 3) Tea Patri (Pro Recco Judo) e Martina Lanini (Judo Vanzago)

70: 1) Claudia Cerutti (Akiyama Settimo), 2) Cecilia Betemps (Asd Centro), 3) Eleonora Pagliughi (Kyu Shin Do Kai Parma) e Arianna Caccamo (Judo Club Leone)

78: 1) Irene Caleo (Judo Carrara), 2) Anna Fortunio (Fortitudo 1903), 3) Elena Andreoli (Pro Recco Judo) e Arianna Stacco (Dlf Yama Arashi Udine)

+78: 1) Alessia Cavallin (Montebelluna Hudokai)

55: 1) Hosam Warid (Judo Club Segrate), 2) Simone Casareto (Pro Recco Judo), 3) Gabriele Maserin (Accademia Torino) e Riccardo Lagni (Skorpion Pordenone)

60: 1) Nicolo Malara (Asd Centro), 2) Kail Basset (Dojo Sacile), 3) Marco Valerio Feliziani (Banzai Cortina Roma) e Andrea Mercurio (Judo Club Leone)

66: 19 Matteo Armao (Akiyama Settimo), 2) Simone Muzzi (Cus Siena), 3) Davide Cesselli (Fitness Club Nuova Florida) e Francesco Cargnelutti (Dlf Yama Arashi Udine)

73: 1) Luca Rubeca (Akiyama Settimo), 2) Gioele Greco (Accademia Torino), 3) Vittorio Fregnan (Isao Okano Club 97) e Vittorio Maglione (Judo Treviso)

81: 1) Lorenzo Parodi Pro Recco Judo), 2) Edoardo Perfetti (Fitness Club Nuova Florida), 3) Andrea Fascinato (Isao Okano Club 97) e Francesco Mellone (Judo Preneste)

90: 1) Kenny Komi Bedel (Pol. Villanova), 2) Ivan Pizzimenti (Fortitudo 1903), 3) Michele Valeri (Dojo Equipe Bologna) e Riccardo Vallino (Asd Centro)

100: 1) Christian Storto (Akiyama Settimo), 2) Simone Tkalez (Budokan Torino), 3) Danilo Gaggero (Budo Semmon Gakko)

+100: 1) Davide Borriero (Menchella Club), 2) Lorenzo Santangelo (Energy Mediglia), 3) Matteo Pieristi (Nippon Club Pomezia)

Altre News