Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Oro di Accogli, argento Capanni e sei terzi posti, l’Italia è top a Coimbra

images/large/20190526_Coimbra_06.jpg

È arrivata un'altra medaglia d’oro dall’European Cadet Cup a Coimbra ed è stato Daniele Accogli che l’ha messa al collo nei 90 kg, ma sono arrivate anche una medaglia d’argento con Thauany David Capanni Dias, seconda nei 63 kg e sei medaglie di bronzo, Antonietta Palumbo nei 57 kg, carolina Mengucci nei 70 kg, Erica Simonetti nei +70 kg, Luigi Centracchio e Manuel Vici nei 73 kg, Jean Carletti nei +90 kg. E con le nove medaglie conquistate nella prima giornata, l’Italia cadetti è salita a quota 17, per 4 oro, 2 argento, 11 bronzo, primo posto nel medagliere del torneo, davanti a Russia e Brasile. Un altro risultato eccellente per gli azzurrini. Questi i commenti degli atleti saliti sul podio.

Daniele Accogli, oro nei 90 kg: “Sono contento di aver vinto anche questa tappa di European Cup. La strada è lunga, ma la direzione è quella giusta: il duro lavoro ripaga sempre. Ringrazio i miei tecnici Vito, Giovanni e il Banzai Cortina Roma”.

Thauany David Capanni Dias, argento nei 63 kg: “Per me è la terza partecipazione in European Cup e sono contenta di aver guadagnato questa medaglia facendo così un passo in avanti per arrivare ad appuntamenti più prestigiosi. Ringrazio il Judo Preneste, che mi ha accolto e preparato al meglio e la mia famiglia che mi sostiene e mi supporta nonostante molti sacrifici”.

Antonietta Palumbo, bronzo nei 57 kg: “Sono contenta di questa medaglia, anche se non è del colore che volevo. Devo dire però che mi sento sempre più sicura, quindi so di essere sulla buona strada: speriamo bene per le prossime gare. Ringrazio il maestro Gianni Maddaloni e le persone che mi hanno supportata”.

Carolina Mengucci, bronzo nei 70 kg: “È stata una gara molto particolare, mi sentivo bene sin dall’inizio, ma ho commesso qualche errore di troppo che bisogna migliorare: era importante avere buone sensazioni qui perché è l’ultima tappa prima delle gare più importanti della prossima estate... Andiamo sempre avanti in vista di questi obiettivi!”.

Erica Simonetti, bronzo nei +70 kg: “Sono felice per questa giornata che si è chiusa con una medaglia di bronzo. Mi dispiace molto per la semifinale che ho perso a causa di un mio errore, ma sono fiduciosa e continuerò a lavorare per evitare di ripeterlo. Ringrazio come sempre la famiglia Toniolo. Dedico la medaglia a Nadia Simeoli che mi sostiene giorno dopo giorno”.

Luigi Centracchio, bronzo nei 73 kg: “Oggi non ero in ottima forma e ho dovuto salire sul tatami con grande spirito d’adattamento... ovviamente sono contento di essere riuscito ad ottenere questa medaglia nonostante non fossi in ottima forma. Adesso si pensa ai prossimi obiettivi”.

Manuel Vici, bronzo nei 73 kg: “Sono molto contento per questa gara: dietro ci sono molti sacrifici che finalmente vedo ripagati; ringrazio tutta la mia società, il Banzai, e i maestri, in particolare ringrazio Diego che ci ha sempre creduto fin dall’inizio”.

Jean Carletti, bronzo nei +90 kg: “Poteva andare meglio perché nel secondo incontro non ho fatto quello che avrei dovuto: il mio avversario era enorme, ma potevo fare molto meglio. È un periodo che grazie al mio maestro Marco sto lavorando davvero bene e devo continuare su questa strada”.

Comprensibile la soddisfazione di Raffaele Toniolo: “Per il secondo anno consecutivo Italia in cima al medagliere a Coimbra. Con 17 medaglie, come lo scorso anno e un buon potenziale per gli impegni futuri, Europei, EYOF e Mondiali”.

Altre News