Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Falcone: bilancio olimpico positivo per noi! Giappone 6 ori in 6 giorni

images/large/20210727_MCentracchio_40.jpg

Oggi è stata la sesta giornata di gare olimpiche nel Nippon Budokan a Tokyo ed è stata anche la prima senza gli azzurri sul tatami. Fino a domani, infatti, c’è il tempo ed il modo per tirare il fiato e fare un punto sulla situazione, inattesa dell’appuntamento con la gara a squadre miste, in programma per sabato 31 luglio, giornata conclusiva per le Olimpiadi del judo.

Un primo bilancio ‘a caldo’ sull’Olimpiade individuale dei nostri ‘magnifici otto’ è quello fatto dal Presidente Domenico Falcone, che si riporta di seguito, mentre con i risultati delle gare di domani si presenteranno i preparativi della squadra azzurra per la gara di sabato.

20210725 OGiuffrida 16“Sono estremamente soddisfatto per il risultato che i nostri atleti hanno ottenuto, sia per le medaglie straordinarie di Odette Giuffrida e Maria Centracchio, sia perché sul tatami tutti hanno saputo dare una risposta di spessore esprimendosi al massimo, che è quello che viene chiesto agli atleti.

E loro lo hanno fatto anche in questa gara così speciale, oltre ad averlo fatto nel percorso lunghissimo di una qualificazione estremamente particolare e difficile sotto ogni punto di vista.

C’è stato chi ha maturato la certezza del pass olimpico con anticipo, chi invece ha tribolato fino all’ultimo, ma il bilancio è di segno ampiamente positivo.

Non c’è dubbio che io sia dispiaciuto per chi non ha ottenuto tutto quello che meritava o, per i più diversi motivi, non è riuscito ad esprimersi al meglio, ma sono felice per aver visto a Tokyo quattro ragazze e quattro ragazzi sereni, gareggiare in un clima tranquillo, in un ambiente bello assieme agli staff dei tecnici e dei sanitari, che sono stati eccezionali.

Li voglio ringraziare tutti, perché sono e sono sempre stati presenti, disponibili, professionali.

A Francesca, Odette, Maria, Alice ed a Manuel, Fabio, Christian e Nicholas, senza entrare nel dettaglio, lavoro che lascio fare ai tecnici, dico semplicemente grazie per quello che avete fatto in questi giorni e per quello che saprete fare sabato, in una gara a squadre miste che rappresenta un momento storico per il judo alle Olimpiadi e per noi, presenti fra le dodici squadre che hanno il diritto di esserci”.

Il Giappone, intanto, ha arricchito il suo medagliere olimpico anche con le due medaglie d’oro in palio oggi, con Shori Hamada nei 78 kg ed Aaron Wolf nei 100 kg.

“Mi sono trovata molto bene con le prese in finale e prima dei Giochi mi sono allenata molto con la lotta a terra. -ha detto Shori Hamada- Non ho dimenticato la mia sconfitta con Malonga di due anni fa, quindi l’obiettivo è stato soprattutto non commettere lo stesso errore. Era necessario avvicinarsi e lottare a terra il prima possibile, perché sapevo che sarebbe stato il suo punto debole".

-78 kg

1. HAMADA Shori (JPN)

2. MALONGA Madeleine (FRA)

3. AGUIAR Mayra (BRA)

3. WAGNER Anna-Maria (GER)

“La mia condizione fisica non era buona oggi -ha detto invece Aaron Wolf- ma sono felice perché è il primo titolo per il Giappone in questa categoria dopo Sensei Inoue e sono doppiamente felice perché è stato anche l’ultimo titolo importante da ottenere nella mia carriera, dopo i mondiali, il titolo asiatico e quello nazionale giapponese. Ed è proprio per queste ragioni che ho pianto sul tatami”.

-100 kg

1. WOLF Aaron (JPN)

2. CHO Guham (KOR)

3. ILIASOV Niiaz (ROC)

3. FONSECA Jorge (POR)

Altre News