Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Giulia, Matteo, Andrea a Olbia, i buoni propositi dei 3 assi del judo

images/large/20211007_Olbia-Regis-Quintavalle-Marconcini-1.JPG

Ci sono tre assi del judo italiano che seguono con grande attenzione le gare dei campionati mondiali juniores dalla tribuna d’onore del Geovillage ad Olbia.

20211007 OlbiaCATSi tratta di Giulia Quintavalle, invitata quale rappresentante dei tecnici per il Coni, di Matteo Marconcini eletto nella commissione atleti dell’International Judo Federation e di e Andrea Regis, consigliere federale Fijlkam in quota rappresentante atleti. rispettivamente per per la Fijlkam e da questa mattina si sono riuniti a Olbia.

L’obiettivo, oltre quello di assistere alle gare iridate dei tecnici ed atleti che rappresentano, è di adempiere al compito istituzionale di rappresentanza e, inevitabilmente, ragionare insieme.

Mettere insieme le idee, condividere i punti comuni, raccogliere gli spunti utili a concretizzare questa opportunità.

Perché la spontanea collaborazione che è nata fra Giulia, Matteo ed Andrea è una grandissima opportunità, ma anche una luminosa prospettiva per il futuro.

Per gli atleti, per i tecnici, per tutto il movimento sportivo nazionale ed internazionale.

A Giulia, Matteo ed Andrea abbiamo chiesto quali sono stati i passi mossi in questi mesi trascorsi dalle rispettive elezioni e quali gli obiettivi.

Giulia Quintavalle

“Ho già partecipato ad alcune riunioni con i miei colleghi della Commissione Nazionale Tecnici del Coni. – ha esordito Giulia Quintavalle- Gli argomenti sono tanti, ma quelli che mi stanno più a cuore e per i quali mi impegno affinché si possa arrivare ad una definizione concreta in tempi ragionevoli sono lo sport nelle scuole e la formazione per i tecnici”.

Matteo Marconcini20211007 Olbia MMarconcini 3

“Siamo all’inizio del percorso in IJF -ha spiegato Matteo Marconcini- abbiamo lavorato al playbook per le Olimpiadi di Tokyo, e ci aggiorniamo ogni mese sulle esigenze che ci possono essere negli atleti di tutto il mondo. Personalmente ho alcune idee che ho già proposto alla nostra Chairwoman Filzmoser, speriamo siano portate avanti”.

“Noi tre siamo in contatto e ci sentiamo in videocall per discutere sulle esigenze e sulle problematiche che sorgono all’interno dei vari settori. È molto motivante farlo con persone che conosco bene, competenti in materia di sport. Sono molto fiducioso”.

“Qui a Olbia ci siamo incontrati per una prima volta in presenza ed il contesto come quello del mondiale junior e supportare gli atleti in gara. Ma anche per farci vedere in ambito internazionale e collaborare con le varie figure presenti a supporto degli atleti e del movimento del judo!

Andrea Regis

“Per ora le energie sono incanalate per istituire le Commissioni di Settore e Federali. -ha detto infine Andrea Regis- Abbiamo avuto qualche rallentamento dovuto all’organizzazione di questo Mondiale a Olbia che, chiaramente, ha richiesto la massima attenzione”.

“I progetti in questa fase riguardano la comunicazione tra noi tre. È da un paio di mesi ormai che ognuno si è insediato nelle rispettive Commissioni, comprendendo quali sono le competenze proprie di ciascun settore”.

“L’obiettivo qui a Olbia è quello di fare gruppo, farci riconoscere dagli atleti e dai tecnici a livello Nazionale e Internazionale perché comprendiamo il nostro potenziale ed è giusto iniziare adesso a muoversi e sviluppare le idee”.

Altre News