Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Akiyama primo ai Tricolori U18 sul podio con Nippon e Koizumi

images/large/20211023_Cad-podioSocM.jpg

Il PalaPellicone ha riaperto le porte al pubblico e lo ha fatto in occasione dei campionati italiani cadetti che nella prima giornata ha portato sui tatami delle gare maschili 371 atleti.

Al termine di una lunga giornata, nella quale in molti, se non tutti, hanno espresso l’apprezzamento per quel “ritrovarsi” così a lungo atteso, la classifica per società ha dato un segnale di continuità con il recente passato, con l’Akiyama Settimo al primo posto seguita dal Nippon Napoli al secondo e dal Koizumi Scicli al terzo.

“Quello che fanno questi ragazzi per ottenere un risultato è lo stimolo migliore per continuare ad andare avanti -ha detto Massimo Toniolo, coach dell’Akiyama Settimo- Oggi abbiamo fatto due ori, due bronzi e un quinto posto, ma sono stati bravi tutti quanti. Non mi sento di fare un nome piuttosto di un altro, anche perché quando si parla di Akiyama si parla di una grande famiglia e quindi anche quelli che oggi non hanno ottenuto un risultato hanno contribuito a questo successo”.

Domenica si ricomincia e sui quattro tatami del PalaPellicone ci saliranno le categorie femminili.

Risultati MASCHILI COMPLETI

46: 1. Francesco Crociani (Judo Grosseto), 2. Mario Tinelli (Giovani Talenti), 3. Anthony Sola (Olimpica Bellizzi) e Gabriele Carnemolla Carnemolla (Judo Koizumi Scicli)

50: 1. Nicolò Busia (Akiyama Settimo), 2. Michele Mario Iovino (New Crazy Fitness), 3. Emiliano Lattanzi (Harmony Club) e Matteo Agosta (Judo Koizumi Scicli)

55: 1. Pietro Andreini (Akiyama Settimo), 2. Antonio Esposito (Nippon Club), 3. Vincenzo Manferlotti (Nippon Club) e Alexander Jelic Arenaza (Akiyama Settimo)

60: 1. Manuel Parlati (Nippon Club), 2. Alessio De Luca (Ginnastica Triestina), 3. Domenico Palumbo (New Crazy Fitness) e Francsco Sampino (Judo Virtus)

66: 1. Ciro De Luca (Nippon Club), 2. Manuel Misoaga (Asd GGiovinazzo), 3. Federico Ninfo (Judo Club Rozzano) e Nicolò Manusia (Accademia Giaveno)

73: 1. Danilo Articolo (Koizumi Scicli), 2. Alessandro Sorelli (Judokan), 3. Fabrizio Esposito (Star Club Judo) e Yan Felletti (Akiyama Settimo)

81: 1. Kledis Luanaj (Judo Bergamo), 2. Nicola Lazzari (Judo Treviso), 3. Alessandro Bruno Durbano (Kodokan Chieti) e Luca Ragosta (Fiamme Oro Roma)

90: 1. Francesco Basso (Accademia Torino), 2. Alessandro Rigoni (Kyu Shin Do Kai Parma), 3. Henry Owusu Asare Owusu (Kyu Shin Do Kai Parma) e Gabriele Greco (Accademia Torino)

+90: 1. Eros Papi (Sekai Budo Pordenone), 2. Federico Lucarelli (Eisho Club Milano), 3. Davide Graziosi (Harmony Club) e Emiliano Rossi (Pol. Castelverde)

Altre News