Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Lisbona rimane mondiale per i kata, Soldano promosso a Malaga

images/large/20211025_ITA_kata_Lisbona.jpg

Lisbona rimane il centro del mondo per il judo e, dopo la manifestazione iridata riservata ai veterani che si è conclusa ieri, nella stessa sede a partire da domani si confronteranno i concorrenti per il campionato del mondo di kata.

Venticinque le nazioni partecipanti con 103 coppie e l’Italia, presente con nove coppie, è fra le tre delegazioni più numerose unitamente a Francia (12) e Spagna (11). Questa la composizione della delegazione italiana: Cesare Amorosi, Cristina Vetturini e per il Nage no kata: Alessandro Cugini-Gino Gianmarco Stefanel, per il Katame no kata: Davide Mauri-Massimo Cester; Pietro Corcioni-Andrea Fregnan, per il Ju no kata: Barbara Bruni Cerchier-Laura Bugo; Angelica Tarabelli-Giovanni Tarabelli, per il Kime no kata: Andrea Giani Contini-Yuri Ferretti; Alberto Gainelli-Enrico Tommasi, per il Kodokan Goshin jutsu: Ilaria Placidi-Nicola Placidi; Giuseppe Guzzo-Sergio Loi.

Licenza IJF-A per Francesco Soldano

20211024 FSoldano 2Oltre le medaglie conquistate dagli atleti italiani, l’European Open a Malaga ha portato anche l’esito positivo dell’esame sostenuto da Francesco Soldano, che ha dunque acquisito la licenza IJF-A.

“Credo di aver superato brillantemente l’esame grazie anche alla buona collaborazione che si è stabilita da subito con i colleghi provenienti da cinque continenti. -ha detto soddisfatto l’arbitro Soldano- L’Europen Open di Malaga si è confermata una competizione di alto livello a cui hanno preso parte atleti di 33 nazioni e con Malaga si intravede la possibilità di uscire dal periodo della pandemia e di ritornare alla normalità. Sono felice di aver raggiunto questo traguardo che vorrei condividere con tutti i miei colleghi italiani che non mi hanno fatto mancare il loro sostegno. Desidero ringraziare la Federazione, il presidente Falcone ed il consiglio tutto per aver creduto nella mia professionalità ed alle mie competenze. Dietro questo risultato c’è molto lavoro e molta serietà”.

Altre News