Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
Karate

Con altri due argenti, l’Italia è terza al mondiale di Parigi

/immagini/Karate/2012/classifica.png

Roma,26 novembre – Si è conclusa, ieri, al Bercy di Parigi la 21^ edizione del Campionato del Mondo che ha visto l’ultima sfida delle squadre di kata e kumite. Per l’Italia l’attesa finale delle nostre due formazioni di kata maschile e femminile contro quelle del Giappone, all’interno di un Palais Omnisports Bercy di Parigi gremito da oltre 18 spettatori. Il risultato conclusivo per la squadra maschile (Figuccio-Maurino-Valdesi) contro la formazione Giapponese (Itaru-Takumi-Masashi), ha visto alla fine prevalere i nipponici con una vittoria netta, che a nostro giudizio ci è sembrata eccessiva, considerando la stupenda prova effettuata dai nostri portacolori con il loro Gangaku e il kata di libera composizione. Così gli Azzurri, hanno dovuto cedere lo scettro ai nipponici dopo che detenevano il titolo mondiale da ben tre edizioni! Altrettanto eccellente è stata nel pomeriggio la finale delle nostre ragazze (Battaglia-Bottaro-Pezzetti), che si sono ben difese contro le giapponesi (Kazuyo-Yoko-Fumi) con un hanan e libera composizione molto tecnico e spettacolare, ma nulla hanno potuto contro una prova delle nipponiche decisamente più coinvolgente soprattutto nella prova libera che è stata particolarmente apprezzata da un entusiasta ed competente pubblico di casa.

Così, con altre due medaglie d’argento conquistate nel kata a squadre, l’Italia nella classifica per nazioni, chiude con un eccellente terzo posto, con ben sei medaglie complessive (un oro, tre argenti e due bronzi) dietro alla Francia tot.13 medaglie (7 ori, 2 argenti e 4 bronzi) e il Giappone tot. 11 medaglie (4 ori, 1 argento e 6 bronzi) e davanti alla Turchia, Iran ed Egitto, su 20 nazioni in medaglia di 114 Paesi presenti.