Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

A Parigi il karate si rinnova in vista di Tokyo 2020

images/News_Karate/Benetello-Valdesi.jpg

Roma, 12 aprile 2018 - È terminato ieri, al quartier generale della Federazione Francese a Parigi, l’importante incontro fra tre Commissioni WKF: Tokyo 2020, regole kata e regole kumite. A Porte d’Orléans, il Presidente della Commissione atleti WKF Davide Benetello, appartenente a tutte le tre commissioni, e il membro di quella kata Luca Valdesi hanno partecipato alla tre giorni di riunioni, iniziata lunedì 9 aprile, indetta dalla WKF con l’obiettivo di valutare e modificare il regolamento gara e il metodo di qualifica olimpica. 
In previsione di Tokyo 2020, il karate modificherà ulteriori parametri: “Ancora nulla è deciso – sottolinea Benetello -, ma abbiamo incrementato le qualificazioni ai Giochi e stiamo apportando sostanziali modifiche alle regole del kumite e, grazie all’aiuto di Luca Valdesi, a quelle del kata. Normalmente il regolamento subisce cambiamenti ad inizio anno, ma sono fortemente convinto che alcuni di questi siano troppo importanti per attendere: il mio obiettivo è di attuarli prima del periodo di qualificazione olimpica”
La data da segnare sul calendario è il 2 luglio. Da quel giorno il Mondo del karate affronterà il primo passo sulla strada per Tokyo dando il via al primo periodo di qualificazione alle Olimpiadi: “I punti del ranking ottenuti nella prima fase (fino al 6 aprile 2019) conteranno al 50%, con eccezione dei Campionati Mondiali (100%), mentre nella seconda fase, quella decisiva, verranno contati interamente”, conclude Benetello.  Il primo grande appuntamento del karate a Cinque Cerchi si avvicina e il prossimo incontro delle Commissioni WKF, in luglio ad Umago (Cro) in occasione della Youth Cup, sarà decisivo. 

Altre News