Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Youth League e U21 Cup con 27 medaglie italiane a Porec. Benetello: “l’Italia dimostra che c’è e si fa sentire”

images/karate/large/POREC_2021_Youth_League.jpeg

Roma, 6 luglio 2021 – Da venerdì 2 a domenica 4 luglio, è andata in scena la WKF Karate1 Youth League di Porec, in Croazia, con la partecipazione di 1600 giovani atleti, tra i quali 300 italiani, delle classi Cadetti, Junior e U14. La seconda Youth League del 2021 seguiva il primo Training Camp post pandemia, sempre organizzato a Porec, e nella stessa occasione c’è stata anche la Under 21 Cup, con 600 atleti iscritti, di cui 60 italiani.

Come ha detto il VicePresidente FIJLKAM Davide Benetello, anche in questa occasione l’Italia “ha dimostrato che c’è e si fa sentire”. I giovani karateka italiani, infatti, hanno raggiunto ottimi risultati: 4 ori, 4 argenti e 5 bronzi nella Youth League; 5 ori, 4 argenti e 1 bronzo per l’U21.

Tra i Cadetti abbiamo conquistato due argenti e quattro bronzi. Melissa Verdone nel kata femminile e Anna Pia Desiderio nei +54kg di kumite sono salite sul secondo gradino più alto del podio; mentre hanno messo al collo la medaglia di bronzo Roberta Dominici e Asia Gruppioni nel kata femminile, Vincenzo Pappalardo nel kata maschile e Paolo Propizio nei -57kg di kumite maschile.

Tra i Junior, invece, sono salite sul gradino più alto del podio Sonia Inzoli nel kata femminile e Alessandra Schicchi nei -59kg di kumite femminile e Matt Ramos nei -68kg di kumite maschile; un argento lo ha preso Marco Gaetano Spampinato nei -55kg di kumite maschile; i bronzi li hanno conquistati Samuele Moscatelli nel kata maschile, Chiara Piovano nei -48kg, Giorgia Fabbri nei -53kg e Salvatore Bamundo nei -55kg.

Infine, gli Under 14 hanno portato a casa altre 4 medaglie: un oro con Alvise Toniolo nei +55kg di kumite maschile; due argenti con Anna Orsetti nel kata femminile e Alessandro Carraresi nei -55kg; un bronzo di Daniel Antonio Di Bari, sempre nei -55kg di kumite maschile.

Un totale di 17 medaglie solo nella Youth League, alle quali si vanno ad aggiungere altri 5 ori, 4 argenti e 1 bronzo conquistati dagli italiani nella Under 21 Cup.

Nel kata femminile U21, Carolina Amato ha vinto l’oro e Elena Roversi il bronzo; nel kata maschile Mirko Barreca l’oro e Giulio Sembinelli l’argento. Nel kumite, invece, Agus Asia è d’oro e Alessia Nardi di bronzo nei-50kg, Veronica Brunori d’oro e Anita Pazzaglia d’argento nei -55kg, Carmine Luciano di bronzo nei -60kg e Matteo Fiore, infine, d’argento nei -84kg.

La manifestazione è perfettamente riuscita e c’è stata grande soddisfazione, sia per le ottime prestazioni degli italiani che per il significato di ripartenza e di ottimismo che un evento con tanti giovani atleti sia andato tanto bene, dal punto di vista della partecipazione come da quello dell’organizzazione. Il VicePresidente e World and Europe Executive Board, Davide Benetello, ha infatti commentato così: “Ottima l’organizzazione del Segretario Generale EKF e del Presidente della Federazione Croata Davor Cipek nella nuova location di Porec che offre un Palazzetto con un’architettura modernissima. La partecipazione con oltre 2.000 atleti nelle due competizioni è un ottimo segnale di ripartenza e della voglia di esserci di chi pratica il karate con passione e sacrificio. La presenza del WKF supervisor Youth League Luca Valdesi è una garanzia per tutti di competenza e disponibilità, affiancato inoltre per questa competizione, in supporto a SportData, dal nostro innovatore Marco Scaramuzza. Anche la presenza del Presidente WKF Antonio Espinos è stato un chiaro segnale della sua infaticabile passione a supporto di ogni organizzazione. Infine, faccio i complimenti a tutti i molti Club italiani presenti, con oltre 360 atleti tra YL e U21, che hanno confermato ancora una volta come l’Italia sia sulla breccia ovunque”.

Altre News