Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Inizio anno all'insegna dell'autodifesa con il metodo FIJLKAM

images/MGA/large/MGA.png

Roma, 19 febbraio 2019 - L’attività in continua evoluzione, di visibile sviluppo e sempre più mirata del Metodo Federale, si concretizza ancor di più nel suo utilizzo a favore del sociale e come ulteriore strumento di prevenzione e sicurezza in molte istituzioni pubbliche e private.  In questi giorni, infatti, sono in piena attuazione iniziative in Liguria e nelle Marche. A Genova, Carestream Italia ha introdotto per tutte le sue dipendenti un Corso di Legittima Difesa Personale, organizzato in collaborazione con la nostra Federazione. Il progetto nasce dalla volontà da parte dell’Azienda di proseguire il percorso di valorizzazione dei dipendenti, di cui l’esempio più recente è l’introduzione dello Smart Working. Il corso è stato suddiviso in due moduli: una prima parte teorica finalizzata alla trattazione della legittima difesa, a cui faranno seguito lezioni pratiche, a cadenza settimanale, che si svolgeranno presso la sede genovese di Carestream attrezzata ad hoc per l’occasione. “L’iniziativa ha riscosso fin da subito un grandissimo interesse da parte di tutte le dipendenti – ha dichiarato Michele Ferrarese, Amministratore Delegato di Carestream Health Italia – Il riscontro è stato notevole: ha aderito infatti oltre il 50% delle donne che lavora nella nostra azienda. Il tema della sicurezza femminile chiede di essere affrontato in modo serio; il progetto ha proprio questo obiettivo, e sottolinea ancora una volta l’impegno di Carestream nel sostenere l’aspetto umano dei propri dipendenti”. “La Difesa Personale efficace aiuta la Donna ad acquisire sicurezza e autostima. L’Autodifesa Femminile ha come punto di partenza la consapevolezza dell’asimmetria che vede l’aggressore più forte della vittima – ha specificato Filippo Faranda, Environment Health and Safety Manager di Carestream Health Italia e Presidente del Comitato Regionale FIJLKAM Liguria – ciò che emergerà dal corso è che la capacità di prevenire una potenziale situazione di pericolo risulta essere la migliore Autodifesa. Quest’ultima, infatti, non fa ricorso alla forza fine a se stessa, ma è applicabile da tutti. Con l’aiuto degli esperti si acquisiranno le competenze necessarie a percepire le situazioni di rischio, imparando che “l’atteggiamento mentale” è fondamentale nella scelta della strategia da attuare al fine di evitare un’aggressione”. Nelle Marche, l’attenzione viene spostata sull’Azienda Sanitaria di Ascoli Piceno-San Benedetto del Tronto, ASUR Marche - Area Vasta 5 - dove nello scorso mese di dicembre si è svolto il primo evento formativo mirato alla prevenzione delle aggressioni nei confronti dei medici di continuità assistenziale (le guardie mediche). L’evento si inserisce nel quadro giuridico della Raccomandazione del Ministero della Salute dell’8 Novembre 2007 e del Decreto Legislativo 81/2008. Il corso, organizzato in collaborazione con l’ASD Karate Club Ascoli Piceno, si è svolto nell’arco di due incontri: il primo focalizzato sulla gestione delle emozioni e sul riconoscimento dei presegnali di aggressività, il secondo, di natura specificatamente pratica, sull’apprendimento di semplici azioni tecniche di evasione e di controllo delle più frequenti tipologie aggressive. Per quest’ultima parte è stato incaricato il Maestro Costantino Brandozzi, responsabile tecnico della stessa Società Sportiva organizzatrice, 6° dan di karate, Docente Nazionale e 3° livello MGA della FIJLKAM. Il Maestro, che è altresì docente di Gestione della Sicurezza sul Lavoro nei corsi di formazione ed aggiornamento per datori di lavoro e lavoratori, ha proposto il metodo federale con competenza e attenzione, ponendo l’accento sul fondamentale concetto preventivo di difesa. L’importante iniziativa si è svolta avvalendosi della collaborazione dello staff tecnico del club piceno, composto dai Maestri Vincenzo Lori, Mauro Pagnoni e dall’Insegnante Tecnico Mirco Citeroni. Grande soddisfazione è stata manifestata dai numerosi medici presenti, che hanno apprezzato la praticità e l’efficacia del metodo MGA, auspicando un prosieguo dell’interessante opera di informazione e formazione.