Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
Judo

I nuovi indirizzi dell’EJU Education Commission

/immagini/Judo/2010/Education_Judo_Seminar_RID.JPG
Ostia, 31 ottobre 2010. Il Seminario EJU sulla didattica che ha avuto luogo a Parigi il 16-17 ottobre 2010 ha registrato la partecipazione dei rappresentanti di 14 paesi membri. Ricco di scambi e condivisione di esperienze, il seminario ha contribuito con la collaborazione dei delegati presenti alla realizzazione del programma dell’Education Commission. Franco Capelletti e Benedicte Rouby hanno ringraziato tutti i partecipanti per il loro coinvolgimento e la ricchezza degli scambi durante il seminario. Per la Fijlkam sono stati a Parigi i Consiglieri Federali Gaetano Minissale e Stefano Stefanel, mentre Franco Capelletti, unitamente a Benedicte Rouby, Eugene Domagata, Michel Hunt, Michele Lionnet e Yury Krischchuck, è stato coadiuvato nella gestione del seminario da Cataldo D’Arcangelo. Jean Luc Rougè, Presidente della Federazione Francese e Vicepresidente dell’Ijf, affiancato dal Segretario Eju, Envic Galea, ha introdotto i lavori che si sono svolti in due giornate nella sede della Federazione Francese attraverso attività sul tatami e di discussione. La fase pratica è culminata con gli interventi di Michele Lionnet (Utilizzo del Kata per lo sviluppo di un allenamento nel judo) e Eugene Domagata (Judo e Ju Jitsu per la didattica), ma sono state presentate anche le esperienze dei vari Paesi presenti e sono state analizzate le tematiche relative all’evoluzione del Kata agonistico. Importanti i Progetti della Commissione per i prossimi anni, cui la Fijlkam darà adesione inserendoli nei programmi federali: qualifiche di Kata del Kodokan rilasciate da uno stage in Europa gestito congiuntamente dal Kodokan e dall’Eju; scambi internazionali tra club per bambini e ragazzi organizzati tramite l’Eju; Family Camp in Croazia; Stage di judo e studio dell’inglese a Malta. Sono state inoltre discusse le indicazioni Eju per i passaggi di dan e la Commissione ha annunciato la disponibilità per i Paesi che ne facessero richiesta, per organizzare stage nazionali o internazionali. Al seminario sono intervenuti anche Josè Rabalo (Portogallo), Vincente Caratola (Spagna), Andreas Santschi (Svizzera), Didier Janicot (Francia), Alian Boulangere, Pierre Kozlowski e Raymond Declerq (Belgio), Francis Treanor (Irlanda), Eddie Awfort (Gran Bretagna), Endre Nemeth (Ungheria), Pavel Volek (Repubblica Ceka), Manolis Fritos e Nikos Chatrianagoustou (Grecia), Menderes Koabadayi e Onder Korakoc (Turchia).

Altre News