Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
Judo

Meloni d’argento nel Grand Prix di Abu Dhabi

/immagini/Judo/2010/Abu_Dhabi_Meloni_podio_RID.JPG
Ostia, 24 novembre 2010. È d’argento il Grand Prix di Roberto Meloni nell’Al Jazira Club Hall di Abu Dhabi. Un altro risultato di peso per il ventinovenne romano che, dopo le Olimpiadi di Pechino si sottopose ad un delicato intervento chirurgico alle vertebre, ritornando alle gare in occasione della World Cup di Roma, quando il mese scorso si piazzò secondo. È stata nuovamente d’argento la gara dell’azzurro, che ha guadagnato l’accesso alla finale superando Uktam Radjabov (UZB), David Alarza (ESP) e Lyes Bouyacoub (ALG), mentre Khurshid Nabiev (UZB) gli ha imposto il disco rosso con un ko uchi gari fulminante dopo 1’30” di golden score. Quinto posto invece, per Paolo Bianchessi nei +100 kg, che dopo aver superato l’uzbeko Adiljon Tulendibaev, con uno splendido seoi nage, è stato fermato da Islam El Shehaby (EGY), mentre Assunta Galeone è stata eliminata nei 78 kg da Abigel Joo (HUN). Con le medaglie d’argento di Giulia Quintavalle (57) e Roberto Meloni (90), i quinti posti di Elio Verde (60), Francesco Bruyere (81), Paolo Bianchessi (+100), Rosalba Forciniti (52) ed Erica Barbieri (70), l’Italia è decima nel medagliere del Grand Prix di Abu Dhabi, ma si è messa in evidenza anche per merito dell’arbitro Massimo Sulli, cui è stata affidata la direzione di diverse finali. Le classifiche della 3ª giornata -78 kg 1. HARRISON, Kayla USA 2. ZHANG, Zhehui CHN 3. PRYSHCHEPA, Maryna UKR 3. TCHEUMEO, Audrey FRA 5. JOO, Abigel HUN 5. MATROSOVA, Anastasiia UKR 5. POGORZELEC, Daria POL 5. VERKERK, Marhinde NED +78 kg 1. LIU, Huanyuan CHN 2. KAYA, Belkis Zehra TUR 3. KONITZ, Franziska GER 3. YU, Song CHN 5. MKHITARYAN, Anaid RUS 5. PROKOFYEVA, Maryna UKR 5. SHEREMETOVA, Ekaterina RUS 5. UILENHOED, Carola NED -90 kg 1. NABIEV, Khurshid UZB 2. MELONI, Roberto ITA 3. BOUYAKOUB, Lyes ALG 3. MAMEDOV, Chingiz KGZ 5. ALARZA, David ESP 5. DENISOV, Kirill RUS 5. SCHIRNHOFER, Max AUT 5. SYNYAVSKY, Vadym UKR -100 kg 1. SAYIDOV, Ramziddin UZB 2. KURBANOV, Utkir UZB 3. KHAYBULAEV, Tagir RUS 3. KRPALEK, Lukas CZE 5. BATTULGA, Temuulen MGL 5. BORODAVKO, Jevgenijs LAT 5. DARWISH, Ramadan EGY 5. MAKHMADOV, Zafar RUS +100 kg 1. TOELZER, Andreas GER 2. EL SHEHABY, Islam EGY 3. BONDARENKO, Stanislav UKR 3. TANGRIEV, Abdullo UZB 5. BIANCHESSI, Paolo ITA 5. MOURA, David BRA 5. PARRA, Angel ESP 5. SIMIONESCU, Vladut ROU Meloni-Nabiev, è la finale del Grand Prix di Abu Dhabi Ostia, 24 novembre 2010. Con un de ashi barai gaeshi, piazzato nei primi secondi del golden score, Roberto Meloni ha superato la semifinale nei 90 kg con l’algerino Lyes Bouyacoub e si appresta ad affrontare Khurshid Nabiev. In palio c’è l’oro del Grand Prix degli Emirati Arabi, che si concludono oggi nell’Al Jazira Club Hall di Abu Dhabi. Meloni in semifinale nel Grand Prix di Abu Dhabi Ostia, 24 novembre 2010. Roberto Meloni è in semifinale nei 90 kg nell’Al Jazira Club Hall di Abu Dhabi, dove si sta svolgendo la giornata conclusiva del Grand Prix degli Emirati Arabi. Dopo aver superato per yuko l’uzbeco Uktam Radjabov, l’azzurro ha affrontato lo spagnolo David Alarza, del quale ha avuto la meglio al termine di un match equilibratissimo, deciso dal giudizio arbitrale. L’accesso alla finale gli sarà conteso dall’algerino Lyes Bouyacoub. Gara conclusa invece per Paolo Bianchessi nei +100 kg ed Assunta Galeone nei 78 kg. Dopo aver superato con uno splendido seoi nage valutato waza ari cui si è sommato il waza ari di osae komi l’uzbeko Adiljon Tulendibaev, Bianchessi è stato fermato da Islam El Shehaby (EGY), classificandosi al quinto posto, mentre la Galeone ha tentato l’ura nage sulla ventenne ungherese Abigel Joo, rimanendo però agganciata dal ko uchi gari della longilinea che settimana scorsa ha vinto l’oro europeo U23.