Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
Judo

Europei di Istanbul, è di bronzo la prima medaglia di Erica Barbieri

/immagini/Judo/2011/Istanbul_podio_70_rid.jpg

Istanbul, 22 aprile 2011. E due! Il campionato d’Europa degli azzurri nell’Abdi Ipekci Arena di Istanbul, dopo il terzo posto di Elio Verde, ha incassato anche la medaglia di Erica Barbieri, terza nei 70 kg. È bella la medaglia di Erica, perché è la prima che la trentenne spezzina conquista agli europei e perché è arrivata mettendo in gioco cuore, determinazione ed un’attenzione speciale. Due nette vittorie con Megan Fletcher (GBR) e Juliane Robra (SUI) e, dopo la sconfitta di misura con Edith Bosch (NED), un’altra vittoria con Kerstin Thiele (GER), prima del capolavoro con la slovena Rasa Sraka. Quattro volte Erica aveva già incontrato la slovena e quattro volte ci aveva perso, ma a Istanbul l’azzurra ha messo sul tatami quel qualcosa di più che fa la differenza. Superiorità sulle prese, anticipo sulle azioni, rientri, e Sraka si è innervosita già all’inizio. Ad un minuto dal termine Barbieri ha si è insinuata nello smarrimento dell’avversaria e ha marcato yuko di uchi mata, controllandolo poi con una maturità che altre volte non era riuscita a mantenere. L’urlo sulla sirena finale ha il sapore della liberazione e di una carica tutta nuova con lo sguardo rivolto verso Londra. Buona prova di rientro invece, è stata quella di Antonio Ciano negli 81 kg. Dopo quattro mesi di assenza dalle gare per un infortunio patito lo scorso dicembre, il napoletano ha concluso al settimo posto superando ostacoli insidiosi quali Joachim Bottieau (BEL) e Loic Pietri (FRA), ma lottando alla pari con campioni come Sirazhudin Magomedov (RUS) e Ole Bischof (GER). Francesco Bruyere dal canto suo, dopo aver superato Andreas Trikomitis (CYP), ha ceduto di misura con Alain Schmitt (FRA), mentre nei 73 kg Giovanni Di Cristo è stato subito eliminato da Costel Danculea (ROU) facendosi rimontare uno yuko nelle battute finali del match, per perdere poi al golden score. Un altro golden score fatale è stato quello che ha messo fuori Edwige Gwend, argento europeo nei 63 kg del 2010. Dopo aver battuto nettamente Claudia Ahrens (GER) infatti, Gwend ha lottato assolutamente alla pari con la francese Gevrise Emane ed al termine degli otto minuti di lotta senza vantaggi sul tabellone, il giudizio arbitrale ha preferito mandare avanti Emane. Che poi ha vinto il titolo.

Le classifiche

63 kg: 1) Gevrise Emane (FRA); 2) Anicka van Emden (NED); 3) Hilde Drexler (AUT) e Urska Zolnir (SLO); 5) Alice Schlesinger (ISR) e Yarden Gerbi (ISR)

70 kg: 1) Edith Bosch (NED); 2) Cecilia Blanco (ESP); 3) Lucie Decosse (FRA) e Erica Barbieri (ITA); 5) Annette Meszaros (HUN) e Rasa Sraka (SLO)

73 kg: 1) Joao Pina (POR); 2) Murat Kodzokov (RUS); 3) Vanlioglu Hasan (TUR) e Jaromir Jezek (CZE); 5) Peter Scharinger (AUT) e Benjamin Darbelet (FRA)

81 kg: 1) Elnur Mammadli (AZE); 2) Sergiu Toma (MDA); 3) Sirazhudin Magomedov (RUS) e Ole Bischoff (GER); 5) Tomislav Marijanovic (CRO) e Alain Schmitt (FRA)

Istanbul, 22 aprile 2011. Erica Barbieri è in finale per il terzo posto nell’Abdi Ipekci Arena di Istanbul dov’è in corso la seconda giornata dei campionati d’Europa di judo. L’azzurra, nel match decisivo per la medaglia di bronzo dei 70 kg, è attesa dalla slovena Rasa Sraka, avversaria sempre insidiosa e già campionessa d’Europa, ma anche Barbieri ha dimostrato di essere in buone condizioni arrivando a questa finale con delle prove convincenti che hanno maturato le vittorie su Megan Fletcher (GBR), Juliane Robra (SUI) e, dopo la sconfitta con Edith Bosch (NED), con Kerstin Thiele (GER). Buona prova di rientro invece, per Antonio Ciano negli 81 kg, che dopo quattro mesi di assenza dalle gare per un infortunio patito lo scorso dicembre, ha concluso al settimo posto superando ostacoli quali Joachim Bottieau (BEL), Loic Pietri (FRA), ma lottando già alla pari con avversari come Sirazhudin Magomedov (RUS) e Ole Bischof (GER). Francesco Bruyere, dopo aver superato Andreas Trikomitis (CYP), ha ceduto di misura con Alain Schmitt (FRA), mentre nei 73 kg Giovanni Di Cristo è stato subito eliminato da Costel Danculea (ROU) facendosi rimontare uno yuko nelle battute finali del match, per perderlo poi al golden score. Un golden score molto in equilibrio è stato invece, quello fra Gevrise Emane ed Edwige Gwend. L’azzurra, dopo aver battuto nettamente Claudia Ahrens (GER), ha lottato bene anche con la francese, che è stata premiata dal giudizio arbitrale.

Queste le finali

63 kg

Finale 1° posto: Gevrise Emane (FRA)-Anicka van Emden (NED)

Finale 3° posto: Alice Schlesinger (ISR)-Hilde Drexler (AUT); Yarden Gerbi (ISR)-Urska Zolnir (SLO)

70 kg

Finale 1° posto: Cecilia Blanco (ESP)-Edith Bosch (NED)

Finale 3° posto: Lucie Decosse (FRA)-Annette Meszaros (HUN); Erica Barbieri (ITA)-Rasa Sraka (SLO)

73 kg

Finale 1° posto: Murat Kodzokov (RUS)-Joao Pina (POR)

Finale 3° posto: Peter Scharinger (AUT)-Vanlioglu Hasan (TUR); Jaromir Jezek (CZE)-Benjamin Darbelet (FRA)

81 kg

Finale 1° posto: Elnur Mammadli (AZE)-Sergiu Toma (MDA)

Finale 3° posto: Tomislav Marijanovic (CRO)-Sirazhudin Magomedov (RUS); Ole Bischoff (GER)-Alain Schmitt (FRA)

Altre News