Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
Judo

Edwige Gwend ad un passo dal podio nel Judo World Masters a Tyumen

/immagini/Judo/2013/Gwend-Baldorj.png

Tyumen (Rus), 25 maggio 2013. Edwige Gwend si è classificata al quinto posto nei 63 kg a Tyumen, in occasione del 4° Judo World Masters, torneo riservato ai Top 16 della World Ranking List. Per l’atleta azzurra si è trattato di una prova brillante, iniziata con la vittoria per ippon su Hannah Martin (Usa), cui è seguita la sconfitta con Yarden Gerbi (Isr), ma dopo essere andata in vantaggio con waza ari. La forte israeliana è poi approdata alla finale e per Edwige Gwend si è aperta la strada dei recuperi con un altro perentorio successo (ippon) ottenuto su Mungunchimeg Baldorj (Mgl), per contendere quindi la medaglia di bronzo ad Anicka Van Emden (Ned). La sfida è stata molto equilibrata ed è stata decisa soltanto dalla differenza di penalità, purtroppo a sfavore dell’azzurra. Grazie a questo piazzamento però (che vale 140 punti, più del primo posto -100- in una Continental Open) Edwige Gwend sale dal 28° al 19° posto nella classifica mondiale. Nei 48 kg Valentina Moscatt è stata eliminata da Paula Pareto (Arg). Così sul podio nella prima giornata. 48: 1) Hiromi Endo (Jpn); 2) Sarah Menezes (Bra); 3) Dayris Mestre Alvarez (Cub) e Riho Okamoto (Jpn); 52: 1) Majilinda Kelmendi (Kos); 2) Tsolmon Adiyasambuu (Mgl); 3) Andreea Chitu (Rou) e Takumi Miyakawa (Jpn); 57: 1) Sumiya Dorjsuren (Mgl); 2) Automne Pavia (Fra); 3) Corina Caprioriu (Rou) e Telma Monteiro (Por); 63: 1) Kana Abe (Jpn); 2) Yarden Gerbi (Isr); 3) Anicka Van Emden (Ned) e Da-Woon Joung (Kor); 60: 1) Naohisa Takato (Jpn); 2) Boldbaatar Ganbat (Mgl); 3) Felipe Kitadai (Bra) e Amiran Papinashvili (Geo); 66: 1) Sergey Lim (Kaz); 2) Tomofumi Takajo (Jpn); 3) Golan Pollack (Isr) e David Larose (Fra); 73: 1) Nyam-Ochir Sainjargal (Mgl); 2) Dex Elmont (Ned); 3) Mirali Sharipov (Uzb) e Tsagaanbaatar Khashbaatar (Mgl).

Altre News