Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
Judo

Alla nipponica Tanimoto ed al tedesco Bishof i titoli olimpci dei 63 e 81 kg

/immagini/Judo/2008/tanimotoRID.jpg
E per quanto riguarda Tanimoto, c’è anche la dimostrazione di avere imparato la lezione. A Rio, in occasione dei mondiali 2007, si accontentò del bronzo, sconfitta in semifinale dalla cubana Gonzalez. Per koka. A Pechino, le cose sono andate diversamente: ancora in semifinale, Tanimoto ha battuto Gonzalez per ippon. E poi, in finale, ancora ippon alla francese Decosse, una delle più accreditate al titolo. Facendo il confronto con i mondiali, sul podio di Pechino sono identiche tre atlete su quattro, Tanimoto (JPN), Decosse (FRA) e Willeboordse (NED). Manca proprio Gonzalez, che dall’oro di Rio scende al quinto posto, battuta per il bronzo da Willeboordse, mentre sale sul terzo gradino del podio la sud-coreana Won Ok Im, che a Rio  nemmeno c’era. Ad Ole Bishof (GER) invece, ci sono voluti cinque combattimenti per vincere il titolo olimpico degli 81 kg. Uno soltanto si è concluso prima del limite, doppio waza ari a Tiago Camilo (BRA) nei quarti, mentre è prevalsa la regola dello yuko sia con Azizov (AZE) e Stevens (USA) nei preliminari, che con Gontiuk (UKR) in semifinale e Kim Jae Bum (KOR) in finale. Sul podio, assieme al tedesco ed al coreano, sono saliti Tiago Camilo (BRA) e Roman Gontiuk (UKR). Rispetto i mondiali, si conferma il solo Camilo, primo a Rio, mentre sono rimasti senza medaglia Rodriguez (FRA), Burton (GBR) ed Elmont (NED), rispettivamente secondo e terzi agli iridati. (foto di Emanuele Difeliciantonio) Maddaloni eliminato, Quintavalle al TG1 delle 13.30 Pechino, 12 agosto 2008. Nulla da fare per Maddaloni, secondo stop da Damdinsuren. Al TG1 delle 13.30 intervista con Giulia Quintavalle Pechino, 12 agosto 2008. (10.05) Si informa che il TG delle 13.30 su Raiuno manderà in onda l’intervista di Donatella Scarnati e Novella Calligaris con la campionessa olimpica dei 57 kg, Giulia Quintavalle. Pechino, 12 agosto 2008. (10.00) Giochi finiti per Pino Maddaloni, sconfitto al primo turno di recupero degli 81 kg dal mongolo Nyamkhuu Damdinsuren. Un ippon fulminante ha chiuso, dopo soli 20”, l’Olimpiade dell’azzurro.
Maddaloni ai recuperi Pechino, 12 agosto 2008. (9.30) Soltanto dopo 1’28” di Golden Score è arrivato il vantaggio (yuko) che ha dato la vittoria a Elmont su Mrvaljevic, aprendo così la strada dei recuperi a Pino Maddaloni. L’azzurro affronterà il mongolo Damdinsuren. Elmont ferma Maddaloni Pechino, 12 agosto 2008. (h 8.30). L’olandesee Guillaume Elmont ha imposto il disco rosso a Pino Maddaloni che, a questo punto, deve attendere un’auspicata vittoria del campione del mondo con il pericoloso Mrvaljevic del Montenegro per essere recuperato. L’azzurro non è riuscito ad inquadrare la giusta tattica per il forte avversario che, in 1’32”, ha chiuso i conti. Maddaloni ok, superato il primo turno Pechino, 12 agosto 2008. (h 8.00) Pino Maddaloni ha superato agevolmente il primo turno degli 81 kg che l’ha visto opposto al portoricano Abderraman Brenes. L’azzurro ha preso confidenza con il tatami per affrontare al meglio il turno successivo, dove sarà chiamato ad affrontare il campione del mondo del Cairo, Guillaume Elmont.

Altre News