Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Hohhot day 1, bravi e sfortunati i 4 azzurri

images/20180525_Roper_vs_Righetti.JPG

Il Giappone, con tre primi posti sui cinque in gara, è stato protagonista assoluto nella prima giornata del Grand Prix a Hohhot, ma hanno impressionato anche il Kazakistan ed il Canada, che hanno risolto un derby rispettivamente le finali dei 60 e 57 kg. I quattro azzurri in gara, pur battendosi con grande impegno, sono stati fermati alle battute iniziali da un contesto obiettivamente complicato, che nei 66 kg ha visto Elios Manzi uscire sconfitto con Abdulzhalilov (Rus), mentre Matteo Piras ha superato Gaitero Martin (Esp) prima di cedere al golden score con Sebastian Seidl (Ger). Miriam Boi, nei 57 kg, non ha resistito a lungo alla russa Dzhigaros, mentre Anna Righetti, dopo aver saputo rimontare e sconfiggere l’olandese Bergstra, ha trovato il disco rosso della tedesca, neo panamense, Roper. “Oggi non è andata benissimo – ha detto il coach Roberto Meloni – del resto questi sono ragazzi che si affacciano alle grandi competizioni e che la nazionale ha scelto per ampliare l’esperienza ed offrire l’opportunità di fare punti e qualificarsi. Sfortunato Elios Manzi che, alla prima prova nei 66 kg ha affrontato questo russo, che è stato messo molto in difficoltà, poi in un episodio in cui sono caduti insieme, il braccio è rimasto indietro e ha subito la leva. Peccato per Miriam, non c’è stata proprio la possibilità di fare l’incontro, rimasta anche lei bloccata subito da una leva. Bene Piras con lo spagnolo e molto bene anche con Seidl, nel golden score ha commesso un errore che gli è costato l’incontro. Righetti molto bene con l’olandese, mentre con Roper ha sofferto molto la superiorità fisica, come lei stessa ha riconosciuto. A questo punto aspettiamo domani, avremo in gara i due 73 kg che possono fare la loro parte”.

60: 1) Smetov (Kaz); 2) Kyrgyzbayev (Kaz); 3) Dashdavaa (Mgl) e Oguzov (Rus)

66: 1) Maruyama (Jpn); 2) Puliaev (Rus); 3) Zhumakanov (Kaz) e An Baul (Kor)

48: 1) Kondo (Jpn); 2) Kang (Kor); 3) Rishony (Isr) e Munkhbat (Mgl)

52: 1) Abe (Jpn); 2) Wu Shugen (Chn); 3) Park Da Sol (Kor) e Perez Box (Esp)

57: 1) Deguchi (Can); 2) Klimkait (Can); 3) Kwon Youjeong (Kor) e Tamaoki (Jpn)

Altre News