Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Le 34 tappe imperdibili nell’agenda del judo

images/News_Judo/large/Antonio-Esposito-judo-zagabria.jpg

Fra tornei e campionati, il 2019 si presenta con un ‘pacchetto’ consistente di 33 appuntamenti utili ad incamerare i punti per la IJF World Ranking List, cui si aggiunge doverosamente il campionato italiano assoluto, appuntamento principale del calendario nazionale. Quello che stiamo per affrontare quindi, è un anno con 34 tappe, così suddivise: 15 sono i tornei Open, quelli che attribuiscono 100 punti al vincitore di categoria, 9 i Grand Prix (700 punti al primo), 6 i Grand Slam (1000 punti) e, facendo la somma, siamo arrivati a 30. Con questi, o sopra questi, ci sono i campionati, gli appuntamenti ‘obiettivo’ che, in ordine cronologico ed indicando la sola data d’inizio, sono il Campionato Italiano Assoluto (Torino, 27 aprile), gli European Games (Minsk, 22 giugno, validi anche come campionato d’Europa, 700 punti al vincitore), Campionato del Mondo (Tokio, 25 agosto, 2000 punti) e World Masters (Shenzen, 13 dicembre, 1800 punti). Le tappe dell’IJF World Tour invece, sono così ripartite, 8 delle 15 Open in programma si svolgono in Europa, il 2 febbraio Sofia (F) e Odivelas (M), il 16 febbraio Roma (M) e Oberwart (F), il 2 marzo Varsavia (M) e Praga (F), l’1 giugno Bucarest (F-M), il 28 settembre Belgrado (F-M), 4 Open sono Panamericane, a Lima il 9 marzo, a Buenos Aires il 16 marzo, a Santiago del Cile il 23 marzo ed a Santo Domingo il 7 settembre, 2 sono in Asia il 18 luglio ad Aktau (Kaz) ed il 3 agosto a Taipei, 2 in Africa il 9 novembre a Yaounde (Cmr) ed il 16 novembre a Dakar (Sen) ed una in Australia, il 21 settembre a Perth. L’itinerario dei Grand Prix invece, parte da Marrakesh l’8 marzo e poi si snoda toccando Tbilisi il 29 marzo, Antalya il 5 aprile, Hohhot il 24 maggio, Montreal il 5 luglio, Budapest il 12 luglio, Zagabria il 26 luglio, Tashkent il 4 ottobre, The Hague il 15 novembre. Il percorso sulla mappa dei Grand Slam infine, inizia con Parigi il 9 febbraio, Dusseldorf il 22 febbraio, Ekaterinburg il 15 marzo, Baku il 10 maggio, Abu Dhabi il 25 ottobre ed Osaka il 22 novembre. Save the date!

info grafica judo 2019

Altre News