Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

E due! È il bronzo di Maria Centracchio la seconda medaglia dell’Italia a Minsk

images/2019/large/20190623_Minsk_33.jpg

Maria Centracchio ha conquistato la medaglia di bronzo nei 63 kg agli European Games a Minsk. È stata una gara lunga e faticosa, ma alla fine di cinque incontri, tre vittorie su Isabel Puche (Esp), Juul Franssen (Ned), Agata Ozdoba-Blach (Pol), una sconfitta in semifinale con Alice Schlesinger (Gbr) e quindi, per il terzo posto, il successo su Karolina Talach (Pol) che ha consentito a Maria di salire sul podio di questi European Games. Una gioia grande, alla quale Antonio Esposito è andato davvero molto vicino, arrivando ad un passo soltanto da quella medaglia che mise al collo l’anno scorso a Tel Aviv. Ma questa volta purtroppo, non 20190623 Minsk 24sono bastate quattro splendide vittorie e non è stato sufficiente superare scogli quali Alan Khubetsov (Rus) e Frank De Wit (Ned), Antonio Esposito è quinto negli 81 kg. È stato fermato al terzo turno dei 73 kg un Fabio Basile in condizione eccellente, che dopo aver superato per ippon Lukas Reiter (Aut) e Murat Bektas (Tur), ha fatto wazari a Rustam Orujov, ma l’azero è riuscito a ribaltare il risultato con una leva al braccio a 30 secondi dal termine. Anche Giovanni Esposito, nei 73 kg, è andato in vantaggio su Artem Khomula (Ukr) ed è stato poi rimontato e lo stesso è accaduto a Christian Parlati negli 81 kg che, con Dominik Druzeta (Cro) è stato lui che ha rimontato un wazari, mentre con Matthias Casse (Bel) è stato rimontato. Nei 63 kg Edwige Gwend ha superato Laerke Olsen (Den) e si è poi fermata con la giovane sanne Vermeer (Ned), alla fine terza assieme a Maria Centracchio. Una vittoria anche per Alice Bellandi nei 70 kg, su Viktoryia Novikava (Blr), poi la sconfitta con Marie Eve Gahie (Fra), n. 2 della classifica mondiale. Carola Paissoni ha messo fuori dai giochi una fra le top dei 70 kg, la spagnola Maria Bernabeu, ma poi ha dovuto cedere il passo, sempre al golden score, a Daria Pogorzelec (Pol). “Complimenti a tutti gli atleti ed all’ottimo lavoro che sta svolgendo lo staff tecnico – ha detto Giovanni Strazzeri, vicepresidente federale judo - siamo orgogliosi di voi!”. Lunedì, terza ed ultima giornata di gare individuali, saranno impegnati Nicholas Mungai (90), Giuliano Loporchio (100), Vincenzo D’Arco (+100).

Altre News