Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

In 11 a Qingdao per il Master: “Ci sono soltanto i più forti e noi siamo fra questi”

images/large/SkyBrasilia.PNG

Sono undici gli azzurri che, da giovedì 12 a sabato 14, gareggeranno a Qingdao nel Masters 2019 ed i loro nomi sono Odette Giuffrida (52), Maria Centracchio, Edwige Gwend (63), Alice Bellandi (70), Manuel Lombardo, Matteo Medves (66), Fabio Basile, Giovanni Esposito (73), Antonio Esposito, Christian Parlati (81), Nicholas Mungai (90). Undici atleti ai primi 36 posti delle classifiche mondiali rappresentano un riscontro indubbiamente significativo, così come lo stati i risultati che ciascuno di questi atleti ha ottenuto per meritare questo invito. Azerbaijan, Ucraina, Uzbekistan sono tre nazioni di ottimo livello che saranno presenti a Qingdao con lo stesso numero di atleti dell’Italia, mentre Georgia (12), Israele (14) e Olanda (15) dispongono di qualche unità in più. Numeri abbastanza diversi sono quelli maturati dalle grandi potenze che hanno ricevuto gli inviti al Master in quantità industriali, Russia (32), Cina (28), Corea del Sud (22), Francia (22), Giappone (20), Mongolia (20), Brasile (19), Germania (18). Fatti due conti, se questo Master rappresenta una fotografia della situazione attuale con 68 nazioni rappresentate (rispetto le 200 o giù di lì che saranno presenti a Tokyo), i nostri undici ‘Campioni’ valgono come collettivo un dodicesimo posto che, per quanto virtuale ed temporaneo, merita ugualmente la considerazione di “squadra più forte di sempre”. Per Odette Giuffrida si tratta “dell’ultima gara dell’anno ed è una gara importantissima, - ha detto - per la quale ci siamo preparati al meglio. Una gara in cui ci sono soltanto i più forti e tu sei fra questi, è logico che ti suscita emozioni, ma ci sarà da divertirsi e poi staremo a vedere quello che accadrà”. Per Manuel Lombardo invece, le “sensazioni sono positive come sempre, - è stato il suo commento - mi sento bene e so di avere preparato altrettanto bene questa gara in Cina, sia nel mio club all’Akiyama con Pierangelo, che qui al centro olimpico con Frank ed il resto dello staff della nazionale. Sto facendo un buon percorso, e sono felice di far parte di questa squadra super affiatata!”. La squadra azzurra è guidata dal DTN Kyoshi Murakami con Dario Romano e Francesco Bruyere, con il fisio Marco Cittaro. In gara giovedì 48, 52, 57 kg F, 60, 66 kg M; venerdì 63, 70 kg F, 73, 81 kg M, sabato 78, +78 kg F, 90, 100, +100 kg M. L’orario del final-block è programmato alle 17 orario Qingdao, le 10 in Italia.

Altre News