Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Niente final block per gli azzurri nel primo giorno della Premier League di Lipsia

images/karate/ok_NAZIONALE_KARATE_PREMIER_LEAGUE_LIPSIA_.jpg

Roma, 8 settembre 2017 - La Premier League 1 Karate di Lipsia non regala troppe emozioni ai colori azzurri. Gli atleti italiani falliscono l’ingresso al blocco finale, sia nel kata individuale, sia nel kumite. Domani scenderanno sul tatami dell’arena tedesca le altre categorie del kumite, la Nazionale italiana presenterà una squadra con Luigi Busà (75 kg), Giuseppe Tesoro (84 kg), Michele Martina (84 kg), Simone Marino (+ 84 kg), Francesca Cavallaro (55 kg), Laura Pasqua (61 kg), Viola Lallo (61 Kg), Sara Brogneri (61 kg), Silvia Semeraro (68 Kg) e Clio Ferracuti (+ 68 Kg).
Nella giornata odierna - nel Kata individuale maschile - Mattia Busato supera i primi due turni battendo in maniera netta prima il russo Belousov (4-1) poi il cinese Shike sempre con lo stesso punteggio. Il cammino del campione italiano si ferma al terzo turno contro lo spagnolo Salazar. Non va meglio al compagno di Nazionale Alessandro Iodice che viene battuto dal giapponese Kazumasa. Nel torneo femminile Terryana D’Onofrio supera brillantemente i primi tre turni sconfiggendo all’esordio la karateka taiwanese Lin per 4-1, e con lo stesso punteggio elimina la turca Gizem e la tedesca Bleul. Il suo cammino si interrompe davanti alla Yin Yee Tung. Cade al secondo turno Sara Battaglia che dopo aver vinto contro la tedesca Szebenyl viene sconfitta per 3-2 dalla spagnola Garcia Lozano. Cammino simile per Viviana Bottaro che elimina al primo turno la tedesca Winstel per 5-0, ma si ferma davanti alla spagnola Roy che si impone per 3-2.
Nel torneo di kumite individuale maschile, Samuele Marchese - nei 60 kg - si ferma al terzo turno per mano del russo Plakhutin (0-4) dopo aver superato il francese Jacqueray (5-1) e il finlandese Kolari. Danilo Greco viene sconfitto dal croato Kondic. Percorso più lungo per Angelo Crescenzo che avanza battendo il tedesco Spott (8-0), l’inglese Tkebuchava (3-2) e il turco Samdan prima di cedere contro l’iraniano Mehdi Zadeh per 3-2. Nella categoria dei 67 kg, Gianluca De Vivo supera il primo step contro il bosniaco Rama (1-0), ma viene eliminato subito dopo dal russo Murtazaliev. Fa più strada Roberto Ferraiolo che all’esordio supera per 2-0 il bosniaco Ramčilović, poi sconfigge di misura (1-0) lo statunitense Tavares eliminando nel terzo turno anche il tedesco Kuhn. L’azzurro cede davanti all’austriaco Kaserer. Luca Maresca si ferma al terzo turno davanti al turco Uygur, dopo aver battuto brillantemente il tedesco Oeztuerk e il greco Gidakos. Luca D’Agui non va oltre il primo turno (0-5) con il russo Leontev.
Non va meglio alle ragazze che subiscono eliminazioni precoci: Silvia Sassano - nei 50 kg - supera i primi tre turni battendo la polacca Budzińska (1-0), la slovacca Cichrova (4-1) e la turca Bas (1-0); il cammino dell’azzurra si ferma contro la giapponese Miyahara. Non va meglio ad Anna Maria Damolideo che non va oltre il primo turno, sconfitta dalla slovacca Kovacikova.

Altre News