Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
Karate

A Rotterdam gli azzurri del Kata a squadre in finale per l'oro, Maresca punta al bronzo

images/karate/26781418_10212564645366112_992387223_o.jpg

Roma, 16 marzo 2018 - La prima giornata della Premier League di Rotterdam regala equamente gloria e delusioni. I sorrisi arrivano dalla squadra maschile di Kata che raggiunge la finale per l’oro: domenica mattina Alessandro Iodice, Gianluca Gallo e Giuseppe Panagia sfideranno la squadra iraniana nel tentativo di salire sul gradino più alto del podio olandese. Nel Kumite individuale va a caccia di un bronzo anche Luca Maresca che - sempre nella mattinata di domenica - sfiderà il brasiliano Figueira. La finale per il bronzo di Luca Maresca verrà trasmessa in diretta a partire dalle 10.00 su Repubblica.tv, e in sreaming sul sito www.gazzetta.it e su quello della Federazione. La finale per la medaglia d'oro - sempre in diretta su RFepubblica.tv e sui siti di gazzetta.it e su quellodella fijlkam - andrà in onda a partire dalle 14.30.    
Il resto della giornata non registra acuti da parte degli alteti italiani; nel Kata femminile individuale Michela Pezzetti esce al primo turno contro la malese Xin Yi, Viviana Bottaro vince i primi due incontri sconfiggendo la spagnola Rodriguez Encabo (5-0) e la turca Gizem Sofuoglu (4-1), ma perde la finale di pool contro la giapponese Hikaru Ono. Sara Battaglia viene eliminata al primo turno dalla tedesca Heinrich, stesso destino per Terryana D’Onofrio battuta dall’iraniana Baghery. Escono all’esordio anche Sara Soldano - sconfitta dalla vietnamita Nguyen Thi - Lisa Pivi e Serena Bonuccelli battuta dalla francese Alexandra Feracci.
Nella gara di Kumite maschile - nel raggruppamento dei 60 kg - si ferma al secondo turno la corsa di Danilo Greco che vince all’esordio controlli greco Larrosa (6-0) prima di cedere di misura (0-1) contro il russo Efimenko. Stesso risultato per Samuele Marchese che vince contro il kazako Assadilov prima di essere eliminato (0-1) dall’ucraino Stefanyuk. Angelo Crescenzo vince i primi due incontri con il kosovaro Arifi (7-0) e l’uzbeko Saymatov (hentai) prima di essere battuto dismisura (0-1) dal francese Lopes. Mattia Pampaloni batte il tunisino Azzouzi (1-0) ma cede nel secondo turno contro il turco Samdan: ai ripescaggi arriva la sconfitta di misura (0-1) contro l’elvetico Rohner che gli preclude i sogni di gloria.
Nella categoria dei 67 kg percorso esaltante per Luca Maresca che domenica mattina si giocherà la finale per la medaglia di bronzo. Maresca in avvio supera lo statunitense Ramrup (1-0), poi il georgiano Tkebuchava (7-0) e il francese Dacosta (5-0) prima di perdere la finale di pool (0-1) con il turco Uygur: ai ripescaggi, domina (6-0) contro il tedesco Urban e accede alla finale per il bronzo contro il brasiliano Figueira. Anche Gianluca De Vivo combatte fino ai ripescaggi dopo aver vinto per hantei con l’ungherese Tamas, e perso (0-4) contro l’austriaco Pokorny: nel percorso finale arriva la sconfitta (2-7) contro il neozelandese Gill che gli sbarra la strada verso la finale per il bronzo. Gli altri italiani in gara non vanno meglio: Lorenzo Milani perde all’esordio (0-2) contro il turco Kemaloglu, stesso destino per Giuseppe Cartelli eliminato per hantei dal turco Yilmaz, Francesco D’Onofrio esce al secondo turno battuto (1-7) dal tedesco Kuhn.
Nella categoria dei 75 kg non arrivano buone notizie. Luigi Busà dopo aver battuto nettamente l’inglese Kellaway (7-0), perde per hantei con il croato Garibovic. Andrea Minardi esce al primo turno perdendo (1-2) contro l’uzbeko Otabolaev, Rabii Jendoubi vince contro il russo Scherban (2-1) ma viene eliminato subito dopo (1-5) dal malese Raghonathan.
Nella gara di Kumite femminile - categoria 50 kg - nulla da fare per Anna Maria Damolideo (0-3 contro l’iraniana Bahamanyar), Valentina Tassin (0-4 contro la spagnola Estepa Sanchez) ed Erminia Perfetto (0-2 contro la francese Valsan) che cedono tutte al primo turno. Nel raggruppamento dei 55 kg si ferma al secondo turno il percorso di Sara Cardin che all’esordio batte la francese Seguy (5-4) per cedere nel secondo combattimento contro la kazaka Zakharova (0-3).

Altre News