Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Bronzo Olimpico per Frank Chamizo!

images/News_Lotta/Frank_podio_Rio.jpg

Roma, 21 agosto 2016 – Finisce sul terzo gradino del podio l’avventura olimpica dell’azzurro Frank Chamizo, un bronzo che per l’Italia significa ritornare sul podio di Olimpia nella Lotta stile libero a trentasei anni di distanza dall’oro di Claudio Pollio a Mosca. Una gioia piena di rammarico quella espressa dall’italo-cubano: “essere sul podio alle Olimpiadi è sempre e comunque un sogno, ma io sono deluso da me stesso perché sono arrivato qui per prendermi l’oro e così non è stato. Devo dire che nella mia categoria il livello è altissimo e la competizione è ovviamente dura, ma gli arbitri hanno troppo peso”. La recriminazione di Chamizo si riferisce alla semifinale che lo ha visto perdente nei confronti di Togrul Asgarov con un arbitraggio che ha lasciato perplessi molti degli spettatori. L’azzurro è uscito sconfitto dallo scontro con l’azero, campione di Londra 2012, con un punteggio di 7 a 4 frutto della mancata assegnazione, secondo lo staff azzurro, di almeno 4 punti su due diverse azioni. Ma sono stati molti i momenti difficili per i giudici sul tappeto oggi, con l’apoteosi raggiunta al termine dell’altra finale per il bronzo, quella tra il mongolo Mandakhnaran Ganzorig  e l’uzbeco Ikhtiyor Navruzov, che ha visto l’incredibile protesta dei tecnici della Mongolia, quasi nudi sul tappeto, messa in atto contro la decisione della giuria di togliere la vittoria a Ganzorig per “eccesso di esultanza” e di assegnarla “d’ufficio” a Navruzov.
Per quanto riguarda la gara di Chamizo, ha conquistato il bronzo battendo in finalina lo statunitense Frank Aniello Molinaro per 5 a 3, ripendendosi, così, dalla palese delusione mostrata dopo la semifinale. Ma l’azzurro è sembrato molto contratto per tutta la competizione pur avendo battuto ai quarti il georgiano Zurabi Iakobishvili per 4 a 3  e l’armeno Devid Safaryan agli ottavi per 3 a 1 e come conferma anche il tecnico Filiberto Delgado a caldo da Rio: “volevamo l’oro e abbiamo lavorato per questo, ma l’Olimpiade è davvero una gara particolarissima e Frank ha sentito troppo la pressione, non era quello di sempre. Dopo la semifinale, nonostante un verdetto dubbio, si è ricaricato per andarsi a prendere la medaglia. Ha gareggiato con il gomito lussato, ma è comunque riuscito a raggiungere un obiettivo importante: la medaglia olimpica, il suo bronzo, corona un percorso eccezionale”.
Con la giornata di oggi si chiude sia la competizione di Lotta che la kermesse olimpica con l’Italia a quota 28 podi e al 9° posto nel medagliere, grazie anche alle due medaglie del Judo (l’oro di Fabio Basile e l’argento di Odette Giuffrida) ed al bronzo di Frank Chamizo nella Lotta.

Questi i medagliati di oggi a Rio nella lotta stile libero:
Kg. 65 ORO Soslan RAMONOV (RUS), ARGENTO Toghrul ASGAROV (AZE), BRONZO Frank CHAMIZO MARQUEZ (ITA) e Ikhtiyor NAVRUZOV (UZB)
Kg. 97 ORO Kyle Frederick SNYDER (USA) , ARGENTO Khetag GOZIUMOV (AZE), BRONZO Magomed Idrisovitch IBRAGIMOV (UZB) e Albert SARITOV (ROU)