Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Ranking Series a Sassari: numeri da record e pubblico delle grandi occasioni. Ora via al Camp internazionale

images/LOTTA/large/Vincenzo_Piroddu_Frank_Chamizo_sassari_2019.jpg

Roma, 26 maggio 2019 - Si spengono le luci al Palasantoru e sul 24° Torneo Internazionale di lotta olimpica “Città di Sassari” che quest'anno è stato nominato dalla UWW (United World Wrestling) come una delle quattro tappe mondiali del prestigioso circuito Ranking Series. A Sassari i migliori atleti del mondo si sono confrontati senza esclusione di colpi, a caccia di punti utili per cercare di ottenere una posizione migliore nel tabellone del Mondiale di Astana in Kazakistan a settembre, e in vista delle Olimpiadi di Tokyo 2020. 

Grande affluenza di pubblico che addirittura nel “Chamizo day” ha fatto registrare il tutto esaurito: “Per la Polisportiva Athlon organizzare quest'anno il ‘Città di Sassari’ come tappa mondiale di Ranking Series è stata una sfida avvincente, oltre che un grande onore - spiega Vincenzo Piroddu, Presidente Athlon Sassari -. Nonostante alcune difficoltà legate alla location, il Torneo è stato un successo, confermato anche dal gradimento di atleti, delegazioni internazionali e dalla stessa UWW”.

I numeri sono stati altissimi: oltre 50 delegazioni internazionali che hanno portato più di 500 atleti ( junior e senior), per un totale tra lottatori ed entourage che sfiora le 1.000 persone. Come ogni anno il cuore logistico della manifestazione è stata Stintino, dove gli atleti si sono allenati e hanno potuto passare in totale relax le ore precedenti gli incontri: “è un piccolo paradiso – continua Piroddu -, una location perfetta per gli atleti che si devono preparare a una manifestazione così importante. In questo luogo hanno la possibilità di allenarsi senza distrazioni e di rilassare corpo e mente prima degli incontri.  Uno degli obiettivi che ci siamo fissati in questi anni, oltre ovviamente all'organizzazione dell'evento sportivo, è quello di valorizzare un territorio unico nel suo genere e di portarlo sotto gli occhi di tutto il Mondo".

"Purtroppo quest'anno non siamo riusciti a svolgere il consueto torneo di Beach Wrestling causa maltempo - conclude il Presidente dell’Athlon Sassari-, ma ci tengo a ringraziare il Comune di Stintino che in tutti questi anni ci è sempre stato accanto nell'organizzazione di questo evento che porta sempre tanto pubblico alla Spiaggia La Pelosa. Ora guardiamo all'immediato futuro perché inizia il raduno internazionale di allenamento, con ben 200 atleti iscritti che nei dieci giorni previsti avranno modo di confrontarsi e condividere tecniche ed esperienze sui tre tappeti di lotta allestiti all'interno del Palasport Comunale di Stintino”.

Altre News