Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
Lotta

Conclusi i Mondiali juniores di Ankara con il 10° posto di Lumia

/immagini/Lotta/2009/Lumia_IRI_Mond_jun_09_rid.jpg
Roma, 9 agosto - Con il 10° piazzamento di Carmelo Lumia (Pol. Mandraccio) nei 74 chilogrammi stile libero, si concludono le sei giornate di gara dei Mondiali juniores disputati ad Ankara (TUR). L’atleta siciliano ha condotto una gara brillante battendo con autorità Ioannis Tserachidis (GRE) per 3-2, 2-1 e Zhi Ren (CHN) per 3-1, 1-0; la sua gara si è fermata contro lo scoglio del fortissimo iraniano Saeid Tavakol, vincitore della categoria. Negli incontri di ripescaggio Lumia ha condotto con grande competitività la prima ripresa contro l’ucraino Andriy Nagornyy terminata bruscamente per schiena, complice un’azione fortunata per il suo antagonista. Meno combattuti gli incontri di Vincenzo Rizzotto (GS Lotta Termini Imerese) nei 60 chilogrammi e di Francesco Rogolino (SG Fortitudo 1903) nei 66, fuori entrambi al primo turno. “I nostri nel complesso non sono stati competitivi - commenta Luciano Alberti, Consigliere e capo delegazione - a livello internazionale non ci sono più atleti juniores come in passato e cioè atleti giovani che stanno facendo esperienza; questo rimane vero in Italia, ma non nel resto del mondo. Ho visto qui atleti, vincitori di categoria, che sono stati finalisti negli ultimi Mondiali seniores. I nostri sono troppo indietro quanto a preparazione e ad esperienza, non possono reggere alcuna competizione. E i risultati dimostrano proprio questo. C’è sicuramente da rivedere molto nel modo in cui vengono allenati i giovani lottatori in Italia. Solo tre sono gli atleti, a mio avviso, che hanno potuto dimostrare qualcosa in questa gara: Carmelo Lumia, nello stile libero, Marta Valente e Ciro Russo nella greco romana. Per gli altri, purtroppo, non c’è stata storia”. (nella foto Lumia - Tavakol)

Altre News