Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
Sumo

Con due quinti posti si conclude la trasferta azzurra ai mondiali di Varsavia

/immagini/Sumo/2010/FFAUSTO.jpg
Roma, 23 ottobre - Al termine del Campionato mondiale di Sumo svoltosi nella capitale polacca il 16 ed il 17 ottobre, pubblichiamo un resoconto della competizione inviato da Fausto Gobbi, nel doppio ruolo di atleta e cronista della manifestazione iridata: “ottima prestazione degli azzurri ai mondiali di Sumo svoltisi a Varsavia sabato 16 e domenica 17 ottobre. Se gli under 18 hanno pagato l’inesperienza rimediando solo qualche incontro vinto, i seniores hanno dimostrato, invece, di poter competere coi migliori. Quinto posto per Grazia Somma nei pesi massimi, che perde per un pelo la semifinale con la atleta russa pluricampionessa del mondo. Quinto posto anche per Marco Ferretti che si destreggia tra verdetti dubbi e raggiunge la finale per il terzo posto dove deve arrendersi al forte atleta mongolo. Settimo posto per Martina Palermo Cerrone che comincia battendo una fortissima atleta tedesca, la plurimedagliata Hehemann: Martina perde di un soffio l’incontro per andare alla finalina ma dimostra carattere ed esperienza. Ottimo settimo posto anche per Andrea Epiro che, nei pesi massimi batte atleti importanti come il tedesco Koppen fino a perdere di poco con il mongolo Ulambayar (ex professionista). Buona anche la prestazione di Elena Solari, esordiente nei seniores, che batte le atlete alla sua portata ma deve arrendersi alla campionessa del mondo Boykova prima ed alla forte atleta polacca Murgala per accedere alla finalina. Sfortunata la prova individuale di Fausto Gobbi nella categoria open: sconfitto dall’atleta ucraino in una poule difficile, non ha la possibilità di andare ai ripescaggi. Stessa sorte per Vito Sganga, ancora un po’ “verde” nei pesi leggeri. La gara a squadre riserva ancora buone notizie per la nostra rappresentativa: non essendoci divisione di peso (tre atleti di qualsiasi peso sono ammessi) le nostre atlete hanno avuto vita difficile. Dopo aver sconfitto la Thailandia hanno dovuto arrendersi al maggior PESO di squadre più blasonate. Nella gara a squadre maschile buon settimo posto per gli azzurri: forse il miglior risultato di sempre. Dopo aver battuto Australia e Svizzera perdiamo con la Polonia: per il settimo posto, contro un ormai non più sorprendente ThaiPei, Fausto Gobbi risolve a nostro favore. Contro la Bulgaria lasciamo le speranze di entrare alla finale per il terzo posto. La decisone della Commissione Nazionale Sumo (presente al completo) di portare una rappresentativa corposa ai mondiali si è rivelata positiva: il Presidente Maestro Antonino Caudullo ha seguito con grande interesse tutti gli incontri, il Maestro Giovanni Parutta ha consigliato con grande esperienza, di Gobbi abbiamo già detto. Presenti anche gli arbitri internazionali Sergio Palumbo (responsabile nazionale) e Cristiano Valoppi, che hanno ricevuto i complimenti dei colleghi di tutto il mondo”. 

Altre News