Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

European Games d’argento per Matteo Medves, 5 medaglie a Paks

images/2019/large/20190622_Paks.jpg

Qui Minsk! Italia sul podio degli European Games con Matteo Medves, argento nei 66 kg, Odette Giuffrida invece, si è classificata al quinto posto nei 52 kg. Qui Paks! Dove si gareggia per l’European Cup Junior e l’Italia, nella prima giornata, ha conquistato cinque medaglie, argento nei 70 kg per Martina Esposito, poi il bronzo con Nicolle D’Isanto nei 63 kg, Arianna Conti nei 78 kg, Annalisa Calagreti e Valentina Miele nei +78 kg.

Gara strepitosa quella di Matteo Medves che dopo aver superato Zsolt Gorjanacz (Hun), si è preso la rivincita su Adrian Gomboc, lo sloveno con il quale perse la finale un anno fa a Tel Aviv, quindi un’altra vittoria su Nathon Burns (Irl) ed in semifinale il capolavoro su Vazha Margvelashvili, georgiano numero 1 nella classifica mondiale, fatto fuori con un wazari all’ultimo secondo. In finale, l’ucraino Georgii Zantaraia, è stato più bravo, ha saputo cogliere l’attimo fra gli attacchi continui di Medves ed a 20 secondi dal termine si è messo al collo il suo quarto oro europeo. Superlativa anche la gara di Odette Giuffrida che si è sbarazzata di Mariana Esteves (Por) e Andreea Chitu (Rou), prima di lottare strenuamente con Natalia Kuziutina (Rus), cui ha ceduto il passo per un seoi (wazari). Terza vittoria e terzo ippon nel recupero sull’azera Gultaj Mammadaliyeva e poi la sofferta e faticosa finale-bronzo con Amandine Buchard, francese e numero uno del ranking mondiale. Gli altri azzurri in gara oggi, nei 66 kg Manuel Lombardo ha schiantato il tedesco Sebastian Seidl prima di rimanere imbrigliato nell’immobilizzazione del bielorusso Dzmitry Shershan. Nei 48 kg Francesca Giorda è stata sconfitta da Melanie Clement (Fra), mentre Francesca Milani ha superato la turca Gulkader Senturk prima di cedere il passo ad Irina Dolgova (Rus), poi sconfitta soltanto in finale da Daria Bilodid. Nei 57 kg infine, Martina Lo Giudice ha ritrovato Sabrina Filzmoser, ma dopo la sconfitta patita in marzo a Marrakech, la 39enne austriaca questa volta ha adottato le giuste contromisure. Domenica sono in gara i 73 kg con Fabio Basile e Giovanni Esposito, gli 81 kg con Antonio Esposito e Christian Parlati, i 63 kg con Edwige Gwend e Maria Centracchio, i 70 kg con Carola Paissoni e Alice Bellandi.

Questi i commenti fino ad ora pervenuti.

Da Paks

20190622 Paks 3“Sono abbastanza soddisfatta di questo risultato – ha detto Arianna Conti - perché significa che sto tornando in forma dopo l’intervento al ginocchio. Si poteva fare meglio, ma per ora va bene così. Ringrazio la mia famiglia, l’Accademia Torino e il mio coach Alessandro Bruyere, che mi sta sempre vicino, anche se non fisicamente”.

“La gara è iniziata col piede giusto – ha detto Martina Esposito - i primi due incontri li ho vinti per ippon (il primo di o uchi e il secondo di eri seoi) poi in semifinale ho battuto la kazaka per wazari/wazari e in finale invece ho perso per shido contro l’inglese. Sicuramente la gara è andata molto meglio rispetto alle altre, sento che piano piano, passo dopo passo, di essere migliorata un po’. Anche se il risultato non è quello cui ambivo”.

“Sono soddisfatta del risultato perché aldilà della medaglia, questa gara mi ha lasciato molte sensazioni positive e tanti punti su cui migliorare. – è stato il commento di Nicolle D’Isanto - Certo sarebbe stato meglio l’oro, ma le gare non sono finite qui e ho ancora altri obiettivi da raggiungere. Da lunedì quindi, si torna in palestra a lavorare, ma per adesso mi godo la medaglia! Vorrei dedicare questa medaglia alla mia famiglia, ai miei allenatori che mi hanno seguito sotto ogni aspetto, e al mio ragazzo che mi sostiene sempre”.

“Sono molto contenta per come è andata questa gara – ha detto Annalisa Calagreti - perché sono riuscita a prendere la medaglia che mi mancava da un pò in campo internazionale. Inoltre ho avuto delle nuove conferme che ci sono sia fisicamente che mentalmente”.

“Sono felice per questa medaglia – ha detto Valentina Miele - perchè sono ancora cadetta e arrivare sul podio ad un’European cup junior non è facile. Spero ne arriveranno altre e magari anche di diverso colore, però per questa volta va bene anche così!! Ringrazio il Banzai Cortina e la mia famiglia per il sostegno”.

Altre News