Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
Judo

Il terzo reportage tecnico dall’EYOF di Tampere

/immagini/Judo/2009/Kamano_RID.JPG
Tampere, 22 luglio 2009. Si è conclusa, nell’Ice Stadium di Tampere, la seconda giornata delle gare di judo del 10° Festival Olimpico della Gioventù Europea e, puntuale, è arrivato il terzo reportage dello staff tecnico azzurro composto da Laura Di Toma, Nicola Moraci e Raffaele Toniolo. «La seconda giornata di gare non è stata prodiga di soddisfazioni per gli azzurri che si sono dovuti accontentare dei settimi posti di Marie Noelle Kamano e di Maria Centracchio. La gara di Maria Centracchio (Libertas Champion) nei 52 kg non è cominciata nel migliore dei modi. Maria infatti, dopo aver saltato il primo turno, ha incontrato al secondo l’azera Muradzade, bronzo agli Europei di Capodistria e oggi medaglia d’argento. Maria non è riuscita ad entrare in gara ed è apparsa contratta non riuscendo ad arginare i continui attacchi dell’azera fino a subire l’ippon di kata guruma. Ripescata vince bene per ippon con la bielorussa Novikava, poi ha vinto con un bell'ippon di harai goshi con la portoghese Casimiro. Per entrare nella finalina per il bronzo ha affrontato la russa Brylyakova senza troppa convinzione e ha perso per ippon». «Nei 57 kg Marie Noelle Kamano (Dlf Yama Arashi Udine) si è sbarazzata facilmente al primo turno dell'islandese Hansdottir. Al secondo turno ha incontrato l’altissima olandese Van't Westende con cui ha dato vita ad un incontro molto equilibrato finito al Golden Score. A questo punto l’udinese è riuscita ad attaccare sempre con convinzione, facendo sanzionare due volte l'avversaria e guadagnandosi così i quarti di finale. Noelle ha incontrato la russa Romanko, poi oro e ha dato l'impressione di potercela fare, almeno fino a quando un attacco frettoloso di uchi mata ha dato alla russa la possibilità di immobilizzare l’azzurra fino all’ippon finale. Nei recuperi Noelle ha vinto benissimo (doppio waza ari) con la forte tedesca Bazynski, ma poi si è fermata di fronte all’ucraina Lyalina poi terza». «Matteo Piras (Akiyama Settimo) non ha ripetuto oggi la buona prestazione degli Europei. Al primo turno, pur combattendo molto contratto ha portato a casa l’incontro con il rumeno Munteanu per doppio shido. Al secondo incontro ha subito ippon in pochi secondi dal futuro vincitore, il russo Akhmarov. Recuperato ha combattuto concentrato con l'israeliano Harel, che lo ha pescato però in kaeshi su un affrettato attacco di harai maki komi». «È finita subito invece la gara di Daniele Sciabola (X2 Spoleto) che non è riuscito ad attaccare contro l'ucraino Hryhortsov. Daniele ha subito due sanzioni e un waza ari. In generale possiamo dire che anche oggi i nostri portacolori hanno commesso qualche distrazione di troppo che hanno pregiudicato alcuni incontri. Buone comunque le gare di Kamano e Centracchio». Laura, Nicola, Raffaele

Altre News