Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
Judo

Il reportage da Tampere: “Splendido argento per Valeria Ferrari”

/immagini/Judo/2009/EYOF_podio_70.jpg
Tampere, 23 luglio 2009. «Dopo aver conquistato il titolo Europeo nemmeno un mese fa, Valeria Ferrari (Multisport Valpolicella) è riuscita a centrare un altro risultato di grandissimo spessore. Esentata dal primo turno per sorteggio, al secondo turno ha battuto la bielorussa Charnukha. L'incontro è iniziato in salita in quanto Valeria ha incassato uno yuko di harai goshi a sinistra. L'azzurra però, ha reagito e ottenuto prima uno yuko cui è seguito osae komi che l’ha proiettata in semifinale». «L'inglese Brooks ha provato a sbarrare la strada della finale alla veronese che ha dimostrato però di essere su un altro pianeta e si è sbarazzata dell'avversaria nella prima azione a terra, immobilizandola. La finale ha visto opposta all'azzurra la belga Mansour (già battutta in semifinale a Capodistria). Valeria ha cominciato bene, dando l'impressione di avere l'incontro in pugno. Purtroppo in un’azione prolungata a terra è stata immobilizzata dall'avversaria. È riuscita a liberarsi dopo 16''. Valeria ha cambiato ritmo ed a 45” dal termine ha fatto sanzionare la belga. In un’azione a terra Valeria è quasi riuscita ad immobilizzare l’avversaria, ma un matè inopportuno l’ha salvata. Purtroppo la belga non è andata in crisi e ha difeso bene il vantaggio, assicurandosi così la medaglia d'oro». «Non bella la prestazione di Elena Battaiotto (Polisportiva Villanova) nei 63 Kg. Superato il primo turno per sorteggio, Elena ha iniziato bene la sua avventura sbarazzandosi dopo 2’ per ippon di kata guruma della danese Dehlendorff. Nei quarti di finale ha subito, dopo pochissimi secondi, waza ari di harai makikomi e successiva immobilizzazione da parte dell’olandese Schellekens, poi argento. Nei recuperi Elena non ha trovato il bandolo dela matassa con la portoghese Roquette: si è fatta sanzionare tre volte per falso attacco, concludendo in questo modo la sua avventura». «Poca fortuna anche per Diego Frustaci (Banzai Cortina), che negli 81 kg ha perso al primo turno per ippon di osae komi con il serbo Novakovic. Domani ultima giornata e cerimonia di chiusura». Laura, Nicola, Raffaele

Altre News