Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
Judo

Il quarto reportage tecnico dall’EYOF di Tampere

/immagini/Judo/2009/sfilata.jpg
Ostia, 27 luglio 2009. A completamento dei report pervenuti dallo staff tecnico che ha guidato la squadra azzurra a Tampere per il 10° Festival Olimpico della Gioventù Europea, si pubblica quello relativo all’ultima giornata di gare, che ha visto impegnata la siciliana Carolina Costa. «La gara di Carolina è cominciata senza troppi problemi con la lettone Petraie eliminata prima con un waza ari e poi con un ippon di harai makikomi. Successivamente la messinese si è trovata di fronte la tedesca Eberhard che guida la ranking list. Ottimo il comportamento della nostra portacolori che, dopo un primo momento di smarrimento, ha trovato la giusta strada per impensierire l’avversaria che più di una volta è dovuta ricorrere a movimenti da contorsionista per evitare di cadere. L’incontro è andato al Golden Score dove, dopo 1’, la tedesca è stata giustamente sanzionata per passività. All’hajimè successivo però, la tedesca è partita con un maki komi che Carolina ha controllato bene fino a portarla a terra, ma da quella posizione ha proseguito rovesciando sul fianco l’azzurra: l’arbitro, nonostante la discontinuità dell’azione ha assegnato lo yuko decisivo a favore della tedesca, poi argento. Nei recuperi Carolina ha affrontato la slovena Potocnik, fresca campionessa d’Europa e la nostra rappresentante non è salita concentrata e si è fatta sorprendere quasi subito da un’azione di gaeshi». «Chiude così il sipario della 10ª edizione degli EYOF che ci hanno regalato due splendide medaglie d’oro e d’argento. Il bilancio può essere ritenuto soddisfacente completato da un quinto e due settimi posti. Abbiamo avuto la conferma di avere due atlete ai massimi livelli nelle rispettive categorie e una squadra giovane che però sta prendendo consapevolezza nei propri mezzi. Possiamo guardare con fiducia al mondiale di Budapest dove i nostri ragazzi porteranno, come hanno sempre fatto, in alto i nostri colori». Un saluto da Tampere da Laura, Nicola e Raffaele a tutti i judoka e a tutti quelli che ci hanno seguito in questa lunga e bellissima settimana.