Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Sarajevo saluta il bronzo europeo di Esposito, Liuzzi chiude quinta

images/News_Lotta/Podio_Esposito_EuCa2017.jpg

Roma, 27 luglio 2017 – Ancora un metallo ad impreziosire il palmares della giovane Elena Esposito: l’atleta napoletana ha conquistato la medaglia di bronzo agli Europei cadetti in svolgimento a Sarajevo nei 65 chilogrammi.
Dopo l’esordio sfortunato di ieri che l’ha vista stoppata agli ottavi dalla russa Krasnova, oggi il vento per l’Azzurra è cambiato: ha superato con elasticità e sicurezza l’ungherese Noémi Szabados, imponendosi per 7 a 0 e con la stessa sicurezza, ma ancor più grinta, ha dominato la finale a spese della lituana Aukse Rutkauskaite che si è arresa senza riuscire a mettere a segno nessun punto. Un  tondo 8 a 0 azzurro il risultato finale.
Elena Esposito aggiunge questo nuovo successo al bronzo Europeo conquistato il mese scorso nella classe juniores e all’argento Europeo 2016 e al bronzo Mondiale 2015, entrambi nella classe cadetta.
Ha chiuso con un quinto posto e tanta amarezza Emanuela Liuzzi nei 49 chilogrammi. La grintosa atleta “figlia d’arte” (sorella piccola della Campionessa europea juniores Patrizia e figlia del talentuoso Michele) non ha avuto esitazioni nell’affrontare la rumena Beatrice Ana sulla quale si è imposta per 6 a 3, ma poi è sembrata eccessivamente tesa nel corso della finale. La bielorussa Hanna Varabyeva è parsa un avversaria alla portata dell’Azzurrina, infatti l’incontro si è svolto in una situazione di sostanziale equilibrio, anche se probabilmente il nervosismo accumulato in due giorni di gara ha avuto la meglio sulla giovane Emanuela. “Siamo soddisfatti delle gare delle nostre ragazze – commenta il Team Manager Lucio Caneva da Sarajevo – hanno grinta e determinazione, anche se non sempre le cose vanno come ci si aspetta. Emanuela ha talento e saprà metterlo a frutto ai Mondiali, Elena ci sta confermando tutte le potenzialità fin qui mostrate. Brave entrambe. E brave anche Ferone, Lumia e De Vita, anche se di più non voglio dire per scaramanzia. Aspettiamo domani.”
E domani infatti sono in lizza per il bronzo sia Teresa Lumia nei 52 chilogrammi che Morena De Vita nei 60.
Entrambe sono approdate in semifinale dopo una gara molto emozionante: Lumia ha battuto per 11 a 1 la bielorussa Volk e per 10 a 0 la lituana Stanelyte mostrando una grinta notevole. Qualche esitazione di troppo l’ha avuta in semifinale quando non è riuscita a dettare il suo ritmo alla turca Yetgil, che alla fine si è imposta sull’Azzurrina per 5 a 0.
De Vita ha avuto lo stesso percorso battendo nettamente la lituana Dantaite (4-0 ) e imponendosi sulla turca Aksoy (6-3 ), ma cedendo la semifinale per un solo punto all’ungherese Bognar (2-1 ). Le due Azzurrine sono ora in finale per il bronzo che sarà possibile seguire domani alle ore 18.00.
Sempre domani inizierà la gara greco romana e saranno in competizione gli Azzurri Daniel Pramatarov  (kg. 42), Fabio Carbone (kg. 58) e Simone Tripodi (kg. 69).