Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

La World Cup ha riaperto la possibilità di lottare. Domani si decide sulla Ranking Series

images/LOTTA/large/74kg_Freestyle_Podium-_Gold_Razambek_ZHAMALOV_RUS_Silver_Frank_CHAMIZO_MARQUEZ_ITA_Bronz_Fazli_ERYILMAZ_TUR_and_Tajmuraz_Mairbekovic_SALKAZANOV_SVK0754.JPG

Roma, 21 dicembre 2020 – La settimana scorsa è andata in scena a Belgrado per la prima volta la Individual World Cup, l’evento sostitutivo dei classici Campionati Mondiali. A causa della pandemia da Covid-19 e le relative restrizioni che ogni paese è costretto a prendere, non era possibile arrivare alla quota minima di nazioni partecipanti ai Campionati Mondiali e si è dunque scelta questa forma alternativa per far riavvicinare alla materassina gli atleti di tutto il mondo.

Iniziata sabato 12 e conclusa venerdì 18, alla Stark Arena la competizione è stata comunque di ottimo livello. La nazionale azzurra si è presentata con quattordici atleti nelle tre categorie, fra cui i due argenti europei Nikoloz Kakhelashvili e Dalma Caneva e il recente oro europeo, pluricampione del mondo, Frank Chamizo Marquez.

La competizione serviva, come ha spiegato il team manager Lucio Caneva, per far tornare i nostri atleti a gareggiare dopo dieci mesi e per monitorare la loro condizione fisica, tecnica e mentale.

Era più che altro un banco di prova per vedere quanto i ragazzi stessero in condizione o meno, più che il risultato. È evidente che alla prima gara dopo tanti mesi, i nostri atleti non erano al massimo. Ma questo può valere anche per gli altri. In ogni caso, una gara onesta che ha aperto di nuovo la possibilità di lottare e di salire sulla materassina. Nello stesso tempo un argento e due quinti posti in una World Cup come questa, con atleti di gradissimo valore e con la Russia che ha portato la prima squadra, li possiamo considerare un risultato buono, nonostante non fosse questo l’obiettivo primario della nostra partecipazione.”.

L’argento che abbiamo portato a casa lo ha conquistato Chamizo, che nei 74kg ha dominato gli avversari arrivando in finale, dove si è dovuto arrendere al russo Zhamalov in un incontro molto difficile e altrettanto equilibrato (3-2). Mentre i due quinti posti sono arrivati con Fabio Parisi negli 87kg di greco-romana e con Arianna Carieri nei 59kg di stile libero femminile. Entrambi hanno conquistato una significativa finale per il bronzo, ma non sono riusciti ad avere la meglio sugli avversari: il serbo Datunashvili per il primo e la turca Ozturk per la seconda. In generale, è stata la Russia a dominare la competizione, aggiudicandosi ben 24 medaglie di cui 17 d’oro, seguita dalla Turchia con 13 medaglie.

Insomma, finalmente la lotta è tornata alle sue gare internazionali e i nostri lottatori possono proiettarsi al 2021.

Il prossimo raduno della nazionale sarà il 5 gennaio. Avremo molti atleti qui ad Ostia e ricominceremo il nuovo anno nella speranza che tutto vada bene per quanto riguarda il Covid-19. Per quanto riguarda la Ranking Series di Ostia, in programma dal 14 al 17 gennaio, ci sono grandi possibilità che venga spostata a marzo, ma la notizia ufficiale la avremo domani sera, dopo la commissione tecnica della UWW.”.

Altre News