Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Concluso il Mondiale Cadetti di Budapest: due quinti posti per gli azzurri

images/LOTTA/large/Campionati_Mondiali_Cadetti_Budapest_2021.jpeg

Roma, 23 luglio 2021 – Finisce l’avventura azzurra ai Campionati Mondiali Cadetti di Budapest. È stato un bel mondiale, particolare ma bello, come ci ha raccontato il Presidente della Commissione Nazionale Attività Giovanile Daniel Franchi: “È stato un Mondiale particolare, in primis per le assenze di alcune nazioni viste le Olimpiadi proprio a ridosso. È stato comunque un bell’evento, come solo un Mondiale può essere. Devo dire che si nota la differenza tra i Paesi che, nonostante il Covid, hanno avuto maggiori possibilità di allenarsi e di fare incontri e quelli che invece, purtroppo, non hanno potuto.”.

L’Italia ha conquistato due quinti posti nella lotta stile libero con i giovani Raul Caso e Gabriele Niccolini, mentre nella greco romana e nella femminile non siamo riusciti a conquistare finali. Oggi in gara c’era Federico Sergio Caniglia nei -55 kg di Greco Romana. L’azzurro però non è riuscito a superare gli ottavi di finale perdendo 5-3 col kirghiso Zhantoro Mirzaliev. Nessun ripescaggio per lui, visto che Mirzaliev ha poi perso in semifinale.

“Nello Stile Libero non siamo stati da meno degli altri – continua Daniel Franchi – è mancata sicuramente la medaglia ma i due ragazzi della lotta libera hanno combattuto con atleti di alto livello. Niccolini, nei primi due incontri, ha battuto i due bronzi europei di giugno. Anche Raul Caso non ha fatto incontri facili e ai quarti ha fatto un bel incontro, molto tirato, con l’iraniano Esmaeilnezhad che poi si è laureato campione del mondo. Insomma, torniamo con due quinti posti che non sono male per un Campionato del Mondo.

Nella lotta femminile abbiamo due ragazze, Fabiana Rinella e Denise Piroddu, ancora Under15 che stanno crescendo e queste esperienze non possono che far bene. Per un infortunio non abbiamo potuto portare il recente bronzo europeo Immacolata Danise.

Per la grecoromana, stesso discorso, Federico Caniglia era al primo evento così importante e in una categoria ostile. Non ha lottato male ma non è riuscito a passare il turno e neanche ad essere ripescato. Come le ragazze, Federico è molto giovane e sicuramente potrà rifarsi nei prossimi campionati.”.

Altre News