Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
Judo

European Cup a Praga, l’Italia U20 inizia con 5 medaglie

/immagini/Judo/2010/Praga_podio_Bombara_rid.JPG
Praga, 31 luglio 2010. Italia protagonista nella prima giornata del torneo di Praga, Top Level nel circuito degli U20. Un oro, due argenti e due bronzi ci hanno subito fatto balzare al terzo posto nel medagliere dopo Georgia e Germania. Bello l’oro conquistato da Angelina Bombara (Yama Arashi Messina) allenata dal maestro Gaetano Minissale nella categoria al limite dei 44 Kg. La fresca campionessa d’Europa U17, dopo il quinto posto di Paks, dimostra di trovarsi sempre più a proprio agio anche con le più esperte U20 e vince tre incontri che le consentono di ascoltare l’inno di Mameli sul podio. Al primo incontro ha ragione per somma di ammonizioni di Savic (SRB) cui l’anno scorso aveva dovuto cedere il bronzo agli Europei U17. Secondo incontro chiuso per ippon di sankaku gatame con Kunitz (GER) e terzo incontro vinto per yuko con Mora Hernandez (GER). Terza finale su tre gare anche per Anna Bartole (Società Ginnastica Triestina) allenata da Monica Barbieri nella categoria al limite dei 48 Kg. Dopo una bella gara, Anna questa volta si deve accontentare dell’argento, lasciando l’oro alla Wirth (GER) da lei già battuta a Leibnitz (AUT) ad inizio giugno. Esentata dal primo turno per sorteggio, Anna vince per due yuko il primo incontro con Konya (HUN). Al terzo turno la triestina batte per doppia sanzione la Rishony (ISR). Semi finale con la tedesca Pohl, vincitrice in precedenza contro la coreana Moon, che Anna domina markando yuko di de ashi barai e waza ari di tani otoshi. In finale Anna non è lucida e subisce subito un waza ari di tani otoshi che condiziona il match fino alla resa per shime waza. Anche Andrea Regis (Akiyama Settimo Torinese) allenato da Pierangelo Toniolo, di deve accontentare dell’argento al limite dei 73 Kg. dopo una finale persa contro il georgiano Aphrasidze. AL primo incontr l’azzurro si sbarazza per ippon di uchi mata di Beljic (CRO). Secondo turno con l’ostico Mahmudov (AZE), che il torinese supera per doppia sanzione. Terzo turno con Schreiner (GER) battutto dall’azzurro per ippon di uchi mata. Quarto di finale con Rekhviashvili (GEO) che viene superato per doppia sanzione. La semi finale vede Andrea opposto al portoghese Pedro che gli rende la vita dura con un modo di combattere attendista e strano. I due finiscono al GS dove Regis piazza un bellissimo o uchi gari contato ippon. In finale Andrea nel primo minuto subisce uno yuko ed un waza ari, poi l’avversario si spegne e si difende soltanto. Purtroppo la terna comincia a sanzionare il georgiano solo dopo 2’30’’ dall’inizio e questo vanifica la rimonta di Andrea che si ferma alla terza sanzione per l’avversario. Grande gara di Fabio Basile (Akiyama Settimo Torinese) allenato da Pierangelo Toniolo, fresco vice campione d’Europa U17 che conquista un bel bronzo al limite dei 55 Kg.. Al primo turno il torinese viene opposto al bronzo europeo U20 2009 Ivanyan (ARM), Fabio marca yuko ma poi subisce due sanzioni che lo costringono al GS, dove però trova lo yuko vincente di de ashi barai. Secondo turno con l’ostico israeliano Avramov che Fabio supera per doppia sanzione. Terzo turno con Rosset (SUI) che l’azzurro supera per ippon di morote seoi nage. Semi finale con Kaidarashvili (GEO) che non fa sconti a nessuno, fa sanzionare due volte l’azzurro e lo relega alla finalina per il bronzo contro Giunashvili (GEO). L’incontro è ostico ed equilibrato e si conclude 30” prima della fine con bel o uchi gari di Fabio che gli permette di salire sul podio. Bellissima anche la gara di Odette Giuffrida (Talenti Sporting Club) allenata da Gregorio Magnanti, fresca campionessa Europea U17 che conquista il bronzo al limite dei 52 Kg. Al primo turno la romana si sbarazza della Ertl (GER) marcando ippon di tai otoshi. Al secondo turno l’azzurra vince con Dengg (AUT) per doppia sanzione. Quarti di finale con Rasinska (POL) e anche qui il tai otoshi dell’azzurra sorprende l’avversaria. In semi finale Odette trova la Zeltner (AUT) che riesce a sconfiggerla solo al GS . Finale per il bronzo contro la Santos (POR) che si porta in vantaggio per 2 yuko ma poi Odette finta il sode tsuri e piazza un terribile ko uchi gari contato waza ari. 55 kg: 1) Danny Paul Kiel (GER); 2) Otar Kaidarashvili (GEO); 3) Grigor Ivanyan (ARM) e Fabio Basile (ITA); 60 kg: 1) Kim Won Jin (KOR); 2) Shmagi Lagazauri (GEO); 3) Lukasz Kielbasinski (POL) e Gor Harutyunyan (ARM); 66 kg: 1) Lasha Shavdatuashvili (GEO); 2) Golan Pollack (ISR); 3) Julian Kolein (GER) e Grzegorz Lewinski (POL); 73 kg: 1) Betkili Aphrasidze (GEO); 2) Andrea Regis (ITA); 3) Hannes Conrad (GER) e Kim Gi Wook (KOR); 81 kg: 1) Avtandil Tchrikishvili (GEO); 2) Robin Pacek (SWE); 3) Tomas Knapek (CZE) e Yannick Gutsche (GER) 44 kg: 1) Angelina Bombara (ITA); 2) Julijana Savic (SRB); 3) Andrea Kunitz (GER); 4) Irina Mora Hernandez (GER); 48 kg: 1) Sonia Wirth (GER); 2) Anna Bartole (ITA); 3) Julia Pohl (GER) e Katharina Taferner (AUT); 52 kg: 1) Tina Zeltner (AUT); 2) Giri Cohen (ISR); 3) Kathrin Frey (SUI) e Odette Giuffrida (ITA); 57 kg: 1) Emma Barkeling (SWE); 2) Fabienne Kocher (SUI); 3) Mia Hermnasson (SWE) e Svea Schwaebe (GER)

Altre News