Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Ai Giochi del Mediterraneo per ripetere o superare la regola dell’8

images/SquadraJudoGDM.jpg

Otto medaglie possono bastare? Per saperlo bisogna attendere la sera di venerdì 29 giugno, quando il Cambrils Pavilion a Tarragona calerà il sipario sulle gare di judo della 18esima edizione dei Giochi del Mediterraneo. Se le medaglie saranno più o meno di otto, saranno i quattordici azzurri che, sotto la guida di Kiyoshi Murakami, Dario Romano, Francesco Bruyere, Roberto Meloni, si impegneranno al massimo per ottenere un risultato individuale e collettivo gratificante per tutti. Vi state chiedendo perché debba essere fissata proprio a ‘otto’ la quota medaglie di riferimento? Semplice! perché otto sono state quelle conquistate a Mersin, nel 2013 in Turchia nell’edizione n. 17 ed altrettante quelle conquistate a Pescara 2009 nell’edizione n. 16. Altri tempi, ma neanche troppo, se si considera che Fabio Basile e Vincenzo D’Arco andarono a segno a Mersin e ci riprovano decisamente adesso, cinque anni più tardi, benchè in categorie diverse. Le otto medaglie del 2013 in Turchia, quattro d’argento e quattro di bronzo, andarono al collo di Valentina Moscatt (48), Martina Lo Giudice (57), Assunta Galeone (78), Walter Facente (90), secondi classificati e di Fabio Basile (60), Enrico parlati (73), Massimiliano carollo (81), Vincenzo D’Arco (100), terzi. Otto furono le medaglie anche in occasione dei Giochi organizzati a Pescara, quando l’Italia brillò sul tatami e fuori, nell’organizzazione. In tre conquistarono la medaglia d’oro, Elena Moretti (48), Elio Verde (60), Giovanni Di Cristo (73), al secondo posto si piazzà Rosalba Forciniti (52) ed in quattro misero al collo il bronzo, Erica Barbieri (70), Francesco Faraldo (66), Antonio Ciano (81), Lorenzo Bagnoli (90). La squadra per Tarragona ha tutti gli ingredienti giusti per confermare la regola dell’8, ma anche per sorprendere. Questa la squadra: Diego Rea (60), Manuel Lombardo (66), Fabio Basile (73), Antonio Esposito (81), Nicholas Mungai (90), Giuliano Loporchio (100), Vincenzo D’Arco (+100), Francesca Milani (48), Odette Giuffrida (52), Miriam Boi (57), Edwige Gwend (63), Carola Paissoni (70), Giorgia Stangherlin (78), Annalisa Calagreti (+78). Direttore Tecnico: Kiyoshi Murakami, Coach: Dario Romano, Francesco Bruyere, Roberto Meloni. Il programma. Mercoledì 27 giugno le categorie 60, 66, 48, 52, 57 kg, giovedì 28 le categorie 73, 81, 90, 63, 70 kg, venerdì 29 le categorie 100, +100, 78, +78 kg. Eliminatorie dalle 10 alle 16, finali dalle 17 alle 21.

Altre News