Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
Judo

Quinto posto di Campese ai Mondiali U20 di Parigi

Parigi, 22 ottobre 2009. Quinto posto di Antonio Campese nei 55 kg nella prima giornata del Campionato del Mondo U20 che si svolge nello Stade Pierre De Coubertin di Parigi e che registra la partecipazione di 470 atleti in rappresentanza di 69 paesi. Il napoletano del New Olimpic Center è stato protagonista di una gara brillante con tre vittorie su cinque combattimenti disputati ed il terzo posto sfuggito soltanto per giudizio arbitrale con Sheng-Ting Huang (TPE). Gli altri azzurri in gara, Amedeo Accorsi eliminato nei 60 kg da Hirofumi Yamamoto (JPN), Angela Giammattei nei 44 kg da Anujin Otgonchuluun (MGL) e Giulia Mongello nei 48 kg da Ekaterina Tikhonova (RUS). Il Giappone prende subito il largo nel medagliere con quattro medaglie, 3 d’oro e una d’argento, nelle quattro categorie in gara nella prima giornata. Venerdì in gara le categorie 52 kg con Marta Iadeluca (Banzai Cortina Roma), 57 kg con Alice Fiocchi (Geesink Team Modena), 66 kg con Enrico Parlati (Nippon Club Napoli) e 73 kg con Massimiliano Carollo (Akiyama Settimo). Il reportage «Primo giorno di gara ai mondiali U20 di Parigi e subito Giappone con una marcia in più che piazza quattro judoka in finale su quattro categorie di peso centrando tre ori. Solo la finale dei 48 ha visto la vittoria della brasiliana Menezes che ha “condannato” all’argento la giapponese Endo. Bella gara di Antonio Campese (New Olimpici Center) allievo del maestro Sandro Piccirillo che centra un quinto posto nella categoria al limite dei 55 Kg. ottenuto con carattere al primo anno della classe juniores. Antonio al primo turno viene messo di fronte al russo Achkinadze che lo aveva battuto, sempre al primo turno, agli europei di Yerevan un mese fa e successivamente si era laureato Campione d’Europa. Come a Yerevan, Antonio comincia con un ritmo molto alto e fa sanzionare l’avversario. A metà incontro marca yuko di o uchi gari e continua ad attaccare. Solo a 1’ minuto dalla fine Antonio rallenta un po’ il ritmo e si fa sanzionare dall’arbitro ma riesce a portare a casa l’incontro. Secondo turno con il neozelandese Bronkhorst che comincia fortissimo a pesca il napoletano con un seoi nage valutato yuko. Antonio reagisce a marca tre yuko saldando il conto all’avversario. Nei quarti di finale l’azzurro si trova di fronte al brasiliano Miaque che lo chiude sempre con presa alta alla quale Antonio non riesce ad opporre una valida posizione: finisce per tre sanzioni a zero per il brasiliano che condanna l’italiano ai recuperi. Primo turno di recupero con il pericoloso statunitense Learned che comincia subito attaccando e mettendo in difficoltà Campese. Il nostro rappresentante reagisce e fa sanzionare una prima volta l’avversario; successivamente l’arbitro, in una fase di stasi dell’incontro, decide di sanzionare entrambi regalando il punto decisivo ad Antonio che poi gestisce bene tatticamente fino al termine. La finale per il bronzo vede Campese opposto al cinese di Taipei Huang. L’asiatico comincia forte e Antonio viene sanzionato dopo due minuti. Poi reagisce e pesca in koshi jime l’avversario ma non riesce a concludere. Si arriva al GS dove ancora due attacchi decisi dell’asiatico fanno tremare l’azzurro che però a 40’’ dal termine piazza un bellissimo o uchi gari che per poco non ribalta le sorti dell’incontro. Si arriva alla decisione dell’arbitro e giustamente viene premiato l’asiatico. Poca fortuna per Amedeo Accorsi (Isao Okano Cinisello) che al limite dei 60 Kg. incappa al primo turno nel bellissimo uchi mata del giapponese Yamamoto che a fine giornata si laureerà campione del mondo. Angela Giamattei (New Olimpic Center) non va oltre il primo turno dove perde per un de ashi barai con la mongola Otgonchuluun. Anche Giulia Mongello (Akiyama Settimo Torinese) non va oltre il primo turno con la russa Tikhonova dove non riesce a combattere meritando tre sanzioni. Domani sarà il turno di Marta, Alice, Enrico e Massimiliano». Un saluto da Parigi Laura Nicola Raffaele Le classifiche -44 kg 1. YOMOGITA, Tomoka JPN 2. MENZ, Katharina GER 3. GALLEGUILOS, Antonieta CHI 3. SAHIN, Ebru TUR 5. DEMINTSEVA, Evgeniya RUS 5. ERDELYI, Lilla HUN 7. OTGONCHULUUN, Anujin MGL 7. VRSIC, Kristina SLO -48 kg 1. MENEZES, Sara BRA 2. ENDO, Hiromi JPN 3. CIBIR, Derya TUR 3. KIM, Mi-Ri KOR 5. BOUYSSOU, Katelyn USA 5. VAN SNICK, Charline BEL 7. KRAUS, Kay GER 7. TIKHONOVA, Ekaterina RUS -55 kg 1. SHISHIME, Toru JPN 2. MUSHKIYEV, Ilgar AZE 3. HUANG, Sheng-Ting TPE 3. KIELBASINSKI, Lukasz POL 5. CAMPESE, ANTONIO ITA 5. MINORU MIAQUE, Raphael BRA 7. DIBARTOLO, Alexandre CAN 7. LEARNED, Corwin USA -60 kg 1. YAMAMOTO, Hirofumi JPN 2. DAVAADORJ, Tumurkhuleg MGL 3. IZMAGILOV, Ilyas KAZ 3. URANI, Florent FRA 5. ABDULZHALILOV, Abdula RUS 5. KHARCHENKO, Artem UKR 7. DHOUIBI, Fraj TUN 7. JUNG, Hyun-Jin KOR

Altre News