Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Europei 2019, Italia da capogiro: Busà, Crescenzo e Bottaro in finale per il titolo. Semeraro e Busato per il bronzo

images/karate/large/busà_aghayev_euro2019.jpeg

Roma, 28 marzo 2019 - Iniziano col botto i Campionati Europei 2019 per l’Italia. Nella prima giornata dedicata alle eliminatorie individuali a Guadalajara, in Spagna, brillano gli azzurri che conquistano cinque finali: tre per il titolo e due per il bronzo. La prima a conquistare la finale per l’oro è Viviana Bottaro, la punta di diamante del kata, che domina tutti i gironi con delle prove ottime: passa il primo con il punteggio di 25,62, il secondo con 25,42 e il terzo, quello decisivo, con 26,94. La finalissima di sabato la vedrà ancora una volta opposta alla spagnola Sandra Sanchez, Campionessa del Mondo ed Europea in carica, per un match che per l’azzurra vuole essere di rivincita dopo l’argento 2018. Il secondo a conquistare la finale per il titolo continentale è il capitano Luigi Busà che sbaraglia tutta la concorrenza nei -75 kg, senza subire punti, in una pool molto ostica: supera in successione il russo Beslan Mizov (3-0), il lituano Remigjius Jurgilaitis (1-0), l’inglese Joe Kellaway (3-0) e il turco Emran Eltemur (1-0). L’utimo scoglio sarà l’amico/nemico di una vita, l’azero Rafael Aghayev, in una finale che attirerà gli sguardi di tutto il Mondo. Conquista la possibilità di giocarsi la medaglia d’oro anche il Campione del Mondo in carica dei -60 kg, Angelo Crescenzo, che stupisce ancora una volta nonostante il piccolo infortunio al ginocchio accorsogli nel periodo pre-rassegna continentale: l’azzurro passa il primo turno per assenza dell'avversario, il bielorusso Oleg Melekhin, per poi partire subito a marcia ingranata e superare in successione il georgiano David Tkebuchava (2-0), l’inglese Cuba Parris (1-1) ed infine il turco Eray Samdan (2-1). In finale se la vedrà con il russo Evgeny Plakhutin. 


A giocarsi il bronzo saranno invece Mattia Busato e Silvia Semeraro. Il veneto si impone nel kata individuale dominando il primo turno con il punteggio di 25,66, per poi classificarsi al secondo posto nei due successivi con 25,08 e 24,94, dietro al turco Ali Sofluogu: sempre sabato si scontrerà con il francese Enzo Montarello per il bronzo. Grande percorso quello di Silvia nei -68 kg che parte bene vincendo contro la turca Eda Eltemur (2-0), la slovacca Miroslava Kopunova (1-0) e la serba Marina Radicevic (3-0), prima di cedere il passo in semifinale alla francese Alizee Agier per 6-0: di fronte a lei per il terzo posto ci sarà l’austriaca Alisa Buchinger. 


Settimo posto per Michele Ciani, new entry nei -84 kg in sostituzione dell’infortunato Michele Martina, che trova lo stop subito al primo turno contro il bielorusso Anton Isakau, poi finalista: i ripescaggi vedono l’azzurro vincere il primo incontro sullo svizzero Julian Shane (3-2), ma perdere il secondo contro il francese Farouk Abdesselem (3-0), proprio ad un passo dalla finalina. Stessa sorte per Simone Marino nei +84 kg che, superato il primo turno per hantei contro l’olandese Tyron Darnell Lardy (0-0), perde il secondo contro il tedesco Campione del Mondo Jonathan Horne per 2-1: anche per Simone un ripescaggio superato, quello contro il kosovaro Herolind Nishevci (1-0), ma stop ad un passo dalla possibilità di salire sul terzo gradino del podio per mano dell’ucraino Ryzvan Talibov (2-0). 


Niente da fare per gli altri azzurri in gara usciti durante le eliminatorie. Domani mattina tocca alle squadre di kata: in gara il team rosa composto da Michela Pezzetti, Terryana D’Onofrio e Carola Casale e quello maschile con Alessandro Iodice, Gianluca Gallo e Giuseppe Panagia. A seguire saliranno sui tatami spagnoli anche le due formazioni di kumite: per gli uomini in gara Rabia Jendoubi, Ahmed El Sharaby, Andrea Minardi, Michele Ciani e Gianluca De Vivo, per le donne Laura Pasqua, Lorena Busà, Clio Ferracuti e Silvia Semeraro.

Le finali saranno trasmesse in diretta su Sky Arena, canale 204 della piattaforma Sky: sabato 30 marzo dalle ore 12 alle 14 e dalle 18 alle 20, mentre domenica 31 marzo dalle 09:15 alle 11:15 e dalle 12:00 alle 14:00. 

Altre News